Baltimora: una corsia di navigazione aperta tra le rovine del ponte

Baltimora: una corsia di navigazione aperta tra le rovine del ponte

La prima barca ha utilizzato la corsia di navigazione temporanea aperta lunedì tra le rovine del ponte di Baltimora per consentire il passaggio alle navi ritenute “essenziali”, hanno annunciato le autorità portuali.

• Leggi anche: La prima sezione del ponte di Baltimora dovrebbe essere ripulita questo fine settimana

• Leggi anche: La tragedia di Baltimora evidenzia il ruolo fondamentale dei lavoratori migranti negli Stati Uniti

• Leggi anche: [EN PHOTOS] Un'enorme gru a Baltimora rimuove le macerie dal ponte crollato

Un rimorchiatore che spingeva una chiatta di carburante destinata a rifornire gli aerei della base aerea di Dover, una base aerea dell'esercito americano nel Delaware, ha attraversato il corridoio alle 15:00 ora locale di lunedì (19:00 GMT), diventando la prima nave a viaggiare da allora. Il ponte crollò il 26 marzo.

Le diverse autorità nazionali, gli Stati del Maryland e Baltimora, avevano già indicato in un comunicato stampa che questo corridoio costituisce il primo passo verso la graduale ripresa dei traffici marittimi nel porto del nord-est degli Stati Uniti, che è uno dei principali porti del Stati Uniti. Paese.

Ma questa corsia non è attualmente sufficientemente ampia per consentire la navigazione di navi di grandi dimensioni ed è destinata principalmente alle navi “impegnate in” operazioni di sgombero e salvataggio.

È profondo 3,4 metri e largo 80 metri.

“Non sarà abbastanza largo per consentire il passaggio delle navi portacontainer. Sono in corso lavori per aprire gradualmente il passaggio a più navi, ma non abbiamo un calendario per questo”, ha detto all'AFP la portavoce della Guardia costiera Carmen Caver.

READ  Papa Giovanni Paolo II ha coperto i casi di pedofilia in Polonia

Il governatore del Maryland Wes Moore ha confermato durante una conferenza stampa che una seconda rotta marittima dovrebbe essere accessibile “nei prossimi giorni”.

Ha aggiunto che queste due strade “ci aiuteranno ad avere più navi intorno al luogo del crollo”.

Questo annuncio arriva dopo l’avvio, domenica, del processo di rimozione degli elementi del ponte, un processo complesso che ha richiesto il taglio e il trasporto della prima sezione, che pesa “circa 200 tonnellate”.

Lunedì la Casa Bianca ha anche annunciato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che sta conducendo una campagna per la rielezione contro il suo predecessore repubblicano Donald Trump, visiterà il sito venerdì.

All'inizio della scorsa settimana, una nave portacontainer è affondata nel cuore della notte presso il Francis Scott Key Bridge di Baltimora, sulla costa orientale americana. Il ponte è crollato e sei lavoratori che stavano lavorando alla struttura sono rimasti uccisi o dispersi e si presume siano morti.

Il governatore del Maryland ha sottolineato la difficoltà di recuperare corpi che non siano stati ancora ritrovati in “acque così torbide e piene di detriti che i subacquei non riescono a vedere a più di un metro davanti a loro”.

La barca è ancora bloccata sotto le macerie del ponte, ostacolando il traffico marittimo in uno dei porti più trafficati del Paese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *