Aurélie Muller, l’eterno rinascimento della regina francese delle acque aperte

O’Reilly, c’è qualcosa che le dico spesso: ‘Una vita’. Hai solo una vita, è breve e devi goderti i momenti felici”. Ha ingaggiato Creed Stéphane Likat, allenatore della squadra francese Open Water. spiriti, Aurelie Müller Eppure sa molto.

“La vita è fatta di alti e bassi. La mia carriera ne è la prova”L’interessato conferma che la partenza è prevista per sabato 20 agosto alle 5 km. “Ho cercato di imparare da quello che è successo e ho cercato di recuperare ogni volta”riassume il nativo di Sarreguemines.

La prima caduta è avvenuta a Rio, durante le Olimpiadi del 2016. Sotto Philip Lucas per un anno, Aureli Muller è stato in testa. A 26 anni, il francese, campione del mondo ed europeo nella 10 km, è il favorito su questa distanza per battere l’Olimpo.

Alla fine della gara si è classificata seconda…solo per pochi minuti. IlI padroni di casa lo escludono A bloccare l’italiana Rachel Bruni sul traguardo. La rabbia e l’incomprensione di Lucas e poi le lacrime non cambiano nulla. Il tricolore crolla. Il suo sogno di ottenere una medaglia olimpica è svanito, forse per sempre.

“La ferita c’è ma sta già guarendo. Non voglio vivere nel passato”Dice, appena dopo un mese di delusione. Nuovo traguardo: le Olimpiadi di Tokyo 2020. Aurelie Muller, sempre accompagnata da Philippe Lucas, è tornata al successo nel 2017, con due titoli di campione del mondo (nella staffetta e nella 10 km) e un ciondolo d’argento alla 5 km. I francesi ripresero il loro dominio.

Ma il destino è ancora in piedi. Ai Mondiali di Gwangju (Corea del Sud), nel 2019, la francese deve finire tra i primi dieci dalla distanza di 10 km per qualificarsi ai Giochi. Si è piazzata undicesima a un decimo di secondo dal biglietto del Giappone. Aveva già saltato l’incontro dei 1500 metri nel campionato di Francia qualche giorno fa. A distanza sacra, i francesi hanno finito per impiegare un secondo e mezzo di troppo lento per fare il minimo indispensabile.

READ  Qual è il successo degli sbandieratori francesi?

Poi Philip Lucas ricordaCampionati del mondo passati“Dalla francese al suo gruppo di nuotatori per motivarli a dare un ultimo omaggio alla staffetta di Muller. Le azzurre sono arrivate seste e le francesi hanno preso il colpo. Dopo non essermi qualificato a Tokyo, mi è venuto in mente di mollare”.ammettere.

“La chiave del successo di O’Reilly è che ama assolutamente quello che fa: nuotare”.

Stéphane Likat, allenatore della squadra francese Open Water

in franceinfo: sport

Ma i francesi tornarono in battaglia. Lascia Philippe Lucas e collabora brevemente con Fabrice Bellerin. A settembre 2021 torna a Sarreguemines, dove si affida a un duo: Gilles Cattani e Magali Merino.. “I due approcci sono diversi ma complementari. Con Magali, facciamo molti chilometri quando lavoriamo con Gilles su tecnologia ed efficienza. Due cose che sono fondamentali per ottenere questi risultati oggi”.

Il risultato è il suo ultimo mondiale a Budapest con una medaglia d’argento alla 5 km. Questo settimo fascino internazionale dà ad Aurelie Muller un senso di inaffondabilità. “Ho 32 anni e me lo ricordo spesso, ma non ho voglia di farlo etàcome dici. Finché provo piacere in quello che faccio, non c’è motivo di fermarmi perché c’è sempre questa fiamma che mi smuove”.

Il francese vuole confermare il suo ritorno a Roma. A due anni dalle Olimpiadi di Parigi, l’obiettivo è rimasto invariato: una medaglia olimpica. Un ultimo morso.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.