Altri uragani potrebbero colpirci nel 2024

Altri uragani potrebbero colpirci nel 2024

La stagione degli uragani del Nord Atlantico 2024, che dovrebbe iniziare la prossima settimana, dovrebbe essere eccezionale, con la possibilità di 4-7 uragani di categoria 3 o superiore, secondo le previsioni della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

“Questa stagione promette di essere eccezionale”, ha avvertito giovedì il capo della NOAA Rick Spinrad in una conferenza stampa. Considerando tutte le grandi tempeste, l’agenzia non si sarebbe mai aspettata un numero così elevato durante le sue previsioni di maggio, ha aggiunto.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha affermato che queste previsioni sono particolarmente legate allo sviluppo previsto del fenomeno meteorologico “La Nina” nel prossimo futuro, oltre alle temperature molto elevate nell’Oceano Atlantico.

In totale, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), potrebbero svilupparsi tra le 17 e le 25 tempeste nominate (con venti superiori a 63 km/h). Tra questi, da otto a tredici potrebbero diventare uragani (più di 119 km/h), compresi da quattro a sette di categoria 3 o superiore (178 km/h).

Ken Graham, direttore del National Weather Service (NWS) americano, ha affermato che queste previsioni “sono certamente motivo di preoccupazione, ma non c’è motivo di preoccuparsi”, invitando gli americani a prepararsi in anticipo alla possibilità che arrivi una tempesta.

La stagione degli uragani nel Nord Atlantico va dall’inizio di giugno alla fine di novembre.

Questi uragani possono essere fisicamente devastanti e in termini di pericolo per la vita umana, soprattutto negli Stati Uniti meridionali.

Nel 2022, l’uragano Ian ha colpito duramente la Florida, uccidendo dozzine di persone e causando solo danni per oltre 100 miliardi di dollari.

Aspettarsi

In generale, con il riscaldamento globale, gli uragani stanno diventando più potenti, alimentati da superfici oceaniche più calde, dicono gli scienziati.

READ  In Malesia, un incidente in metropolitana a Kuala Lumpur ha ferito più di 200 persone

Quest’ultimo avverte che per diversi mesi si accumulerà un caldo eccezionale nell’Oceano Atlantico, che danneggerà anche le barriere coralline.

Il fenomeno meteorologico “La Nina” si sta sviluppando nell’Oceano Pacifico ma ha conseguenze per l’intero pianeta. Nel complesso, ha l’effetto di alimentare una stagione degli uragani atlantici più intensa.

Rick Spinrad ha affermato che la probabilità che si verifichi il fenomeno La Nina è del 77% tra agosto e ottobre.

Il fenomeno opposto, il fenomeno El Nino, era presente lo scorso anno e tendeva a moderare l’attività degli uragani nell’Oceano Atlantico settentrionale.

“Prima che la stagione degli uragani inizi ufficialmente, il mio messaggio agli americani è: prendetevi del tempo per pensare ai vostri rischi specifici”, ha affermato Eric Hooks, vice amministratore della Federal Natural Disaster Response Agency.

“Avete farmaci che devono essere tenuti al fresco? Dispositivi medici che richiedono elettricità? Problemi di mobilità che renderebbero l’evacuazione più complicata?” “Ora è il momento di porsi queste domande, comprendere i rischi e mettere in atto il piano”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *