Agente degli Emirati Arabi Uniti | Accusato di lobbying segreto, l’ex consigliere di Trump si dichiara non colpevole not

(New York) Un ex consigliere di Donald Trump, incriminato la scorsa settimana per aver tentato di influenzare l’ex candidato diventato presidente degli Emirati Arabi Uniti, si è dichiarato non colpevole lunedì ed è stato condannato a una cauzione di 250 milioni di dollari.


“È chiaro che sono innocente da tutte le accuse e lo dimostreremo in tribunale”, ha detto Thomas Barrack in una breve dichiarazione inviata dai suoi avvocati poco dopo aver lasciato la corte federale di Brooklyn, New York.

Durante l’udienza, il 74enne, che indossava una maschera nera sul viso e un abito blu scuro, è rimasto in silenzio e sembrava serio.

Ostacolo alla giustizia, false dichiarazioni

Tra le sette accuse, emesse il 16 luglio, l’ex consigliere di Donald Trump è sotto processo per aver agito per conto di un paese straniero senza registrare le sue attività di lobbying, ostruzione alla giustizia e false dichiarazioni alle autorità.

Tom Barrack è stato un “consigliere informale” della campagna del candidato repubblicano tra aprile e novembre 2016, prima di essere nominato presidente del comitato organizzatore per 45NS Presidente degli Stati Uniti. A partire da gennaio 2017, aveva consigliato alti funzionari del governo sulla politica degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Secondo i pubblici ministeri di Brooklyn, tra il 2016 e il 2018, Tom Barrack e altri due imputati hanno cercato di influenzare il candidato a beneficio degli Emirati Arabi Uniti e poi del presidente Trump, nonché dell’immagine di questo Paese. Uno dei suoi alleati è l’Arabia Saudita.

Tom Barrack è accusato in particolare di aver incluso dichiarazioni pro-UAE nel discorso della campagna di Donald Trump nel maggio 2016, poi nel marzo 2017 per un candidato che gli Emirati Arabi Uniti hanno chiamato per la posizione di ambasciatore degli Stati Uniti. Questo Paese, con collegamenti di altissimo livello con Abu Dhabi.

READ  Con l'avvicinarsi della data delle elezioni | La Russia vuole cancellare Alexei Navalny dai social network

Deposito da 250 milioni di dollari

Oltre alla cauzione da 250 milioni di dollari, Thomas Barrack sarà soggetto a restrizioni di viaggio e all’obbligo di indossare un braccialetto elettronico. La prossima sessione è prevista per il 2 settembre.

Uno degli accusati, un uomo di 27 anni, è stato condannato a una cauzione di 5 milioni di dollari, mentre l’altro, un cittadino degli Emirati Arabi Uniti, non è più sul suolo americano.

Diversi parenti di Donald Trump sono già stati interrogati sulle loro attività per conto di governi stranieri.

Paul Manafort, l’ex manager della campagna di Donald Trump nel 2016, e il suo ex consigliere Roger Stone sono stati in particolare implicati nelle indagini sull’interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi. L’ex presidente li ha graziati alla fine del suo mandato.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *