Afghanistan | Gli Stati Uniti continueranno ad attaccare se l’attacco dei talebani continuerà

(Kabul) – Il comandante delle operazioni militari statunitensi in quel Paese ha avvertito domenica a Kabul che gli Stati Uniti continueranno i loro attacchi aerei contro i talebani se i talebani continueranno la loro offensiva lanciata dall’inizio di maggio in Afghanistan.


Jay Deshmuka
Agenzia di media Francia

“Gli Stati Uniti hanno intensificato i loro attacchi aerei per sostenere le forze afgane negli ultimi giorni e siamo pronti a continuare questo alto livello di supporto nei prossimi giorni se i talebani continueranno i loro attacchi”, ha affermato il generale Kenneth McKenzie, capo dei talebani pakistani. . Comando centrale dell’esercito americano (Centcom).

I talebani hanno preso il controllo di gran parte dell’Afghanistan rurale per quasi tre mesi, in un’offensiva a tutto campo contro le forze afgane, in concomitanza con l’inizio del ritiro definitivo delle forze internazionali dal Paese, ormai quasi completo.

Le forze afgane hanno finora opposto poca resistenza e controllano principalmente solo i capoluoghi di provincia e le strade principali.

Il governo dell’Afghanistan sarà messo alla prova nei prossimi giorni ei talebani stanno cercando di rendere inevitabile la loro campagna. si sbagliano […] “La vittoria dei talebani non è inevitabile”, ha detto il generale McKenzie.

“Continueremo a sostenere le forze afgane fino a dopo la scadenza (annunciata) del 31 agosto per la fine del ritiro delle forze statunitensi, e questo sarà generalmente fatto dall’esterno del paese. Questo sarà un cambiamento significativo”, ha aggiunto.

Il generale McKenzie ha anche dichiarato che dopo questa data “gli Stati Uniti continueranno a fornire un supporto logistico fondamentale, in particolare all’Aeronautica militare afgana”, in Afghanistan o presso le basi del comando centrale.

READ  California | 3 morti e 27 feriti quando un traghetto affondò

“soluzione politica”

In qualità di capo del comando centrale, che sovrintende alle attività militari statunitensi in 20 paesi del Medio Oriente, dell’Asia centrale e meridionale, il generale McKenzie ha guidato le operazioni militari in Afghanistan dalla fine del comando delle forze statunitensi nel paese, il generale Austin Scott Miller, luglio 12.

La recente avanzata fulminea dei talebani sta suscitando il timore che riprenderanno il potere, quasi 20 anni dopo essere stati estromessi alla fine del 2001 da una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti, dopo che si erano rifiutati di consegnare il leader del movimento. Stato unito. Organizzazione di al-Qaeda Osama bin Laden all’indomani degli attacchi dell’11 settembre.

Nel febbraio 2020 gli Stati Uniti hanno firmato a Doha uno storico accordo con i talebani, che prevede il ritiro di tutti i soldati stranieri dall’Afghanistan in cambio della fine degli attacchi alle forze internazionali e l’apertura di negoziati diretti tra i militanti e le autorità di Kabul.

Venerdì, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha condannato il bombardamento aereo “barbaro” effettuato dalle “forze di occupazione americane”. Ha descritto questi scioperi come “una chiara violazione dell’accordo firmato (a Doha) e avrà conseguenze”.

I colloqui afghani iniziati in Qatar lo scorso settembre non hanno visto progressi, con i due campi che si accusano a vicenda di non volere la pace.

Ma il generale McKenzie sentiva che “c’è un percorso che può portare a una soluzione politica a questa guerra”.

coprifuoco

E nelle ultime settimane i talebani si sono avvicinati a Kandahar, la grande città del sud, culla del loro movimento, le cui periferie sono teatro degli scontri.

Con più di 650.000 abitanti, Kandahar è la seconda città più grande del paese dopo Kabul. I talebani ne avevano fatto il centro del loro regime, basato sull’interpretazione intransigente dell’Islam, che ha governato l’Afghanistan tra il 1996 e il 2001.

READ  Laicità | Indossare il velo islamico accende il dibattito politico in Belgio

Circa 22.000 famiglie “sono fuggite da aree instabili nei sobborghi occidentali, settentrionali e meridionali” di Kandahar “in aree più sicure” nel centro della città, ha detto domenica all’AFP il direttore di Dost Muhammad Diriab. .

Queste 22.000 famiglie rappresentano circa 150.000 persone e il National Bureau of Statistics stima che una famiglia in Afghanistan sia composta in media da sette membri.

“Quando sono scoppiati i combattimenti, io e i miei cugini siamo fuggiti con le nostre donne e i nostri bambini nel centro della città”, ha detto all’AFP il cittadino Hafez Muhammad Akbar.

“Ora viviamo con 20 persone della stessa famiglia in un posto che non ha nemmeno un bagno. Non ho idea di quanto tempo staremo lì”.

“I combattimenti continuano nei sobborghi meridionali, settentrionali e occidentali di Kandahar”, ha detto domenica all’AFP il vice governatore della provincia di Kandahar, Lalay Dastagiri.

Dopo una relativa calma sul terreno durante i tre giorni di Eid al-Adha, l’Eid al-Adha islamico, le autorità afgane hanno annunciato di aver avviato da venerdì molteplici operazioni militari in una quindicina di province, nel tentativo di riconquistare la terra.

Sabato hanno imposto il coprifuoco notturno in tutta la provincia, ad eccezione di tre province, inclusa la provincia di Kabul.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *