a. Banshee: “Giochiamo con quanto più possibile della nostra identità”

Scopri la reazione del coach Luca Banchi e del migliore in campo Marcus Keene dopo la vittoria contro Le Mans.

Luca Banshee : E’ una vittoria importante ottenuta grazie ad un grande impegno contro una squadra che ha dimostrato il proprio valore e che è stata fisica. Abbiamo faticato un po’ nel primo tempo perché a volte abbiamo faticato a mettere la carica giusta. La metà delle volte ha cambiato completamente la nostra gerarchia.

Mi è piaciuto molto lo sforzo che abbiamo fatto, anche se abbiamo avuto una rotazione molto breve. Penso che facciamo davvero un buon lavoro nel creare un divario e mostrare diversi volti difensivi nel secondo tempo, mostrando anche un volto molto intelligente in attacco. Ci siamo riusciti anche se negli ultimi minuti abbiamo ripetuto gli stessi errori. Ancora una volta, non avevamo abbastanza istinto omicida per finire il lavoro e chiudere il gioco.

Abbiamo commesso alcuni errori di base che mi hanno davvero infastidito molto, perché la storia si ripete ancora. Non ci siamo adattati e abbiamo visto la squadra mettersi in panico nonostante il vantaggio guadagnato. C’è qualcosa che non va nella squadra che si è comportata come abbiamo visto per la maggior parte della partita. Capisco che sono stanchi e stressati, ma come ho detto loro dobbiamo essere più pessimisti perché errori come questo possono costarci la partita.

Ancora una volta, potremmo essere stati stanchi alla fine, ma ciò non significa che abbiamo il diritto di essere cinici. Quando guidi in questo modo, l’avversario ha una sola soluzione per cercare di rimontare: sbagliare. Non ha altre alternative. Fallo e gioco per un tiro veloce. Non puoi rinunciare ai tiri liberi facili e tanto meno perdere la palla quando l’altra squadra deve attaccarti. sul serio? Di cosa stiamo parlando!? È essenziale! E so che siamo stanchi, non siamo più forti, ma d’altronde questo è il nostro lavoro e dobbiamo mollare… perché ce lo meritiamo!

Le Mans ha una rosa e un turnover più atletici di noi, ma vale la pena notare che siamo riusciti a essere solidi per buona parte della partita, nonostante le assenze e tutti i problemi che abbiamo avuto. Ricordo che questa squadra aveva la mentalità giusta. Ora l’asticella si sta alzando e martedì ci aspettiamo uno sconto molto duro. È un bel girone con Digione e Gerusalemme come favorite per la quarta tappa. Ogni sera successiva sarà come una serata di qualificazione. Dobbiamo riposare, recuperare e fare di nuovo un grande sforzo quando riceviamo Holon. Dovremmo fare come abbiamo fatto in 2si Metà tempo stasera. Ci siamo dimostrati in grado di controllare il gioco avendo più costanza, un miglior livello di energia e giocando il più vicino possibile alla nostra identità per essere molto bravi e solidi in attacco nonostante alcune carenze. “.

READ  Da 'Gomora' alle Brigate Rosse: intervista a Stefano Bessis, lo sceneggiatore che ha detto all'Italia che nessuno voleva vedere

Marcus Kane :” Quando ho giocato in Italia la scorsa stagione ero anche in panchina. So cosa fare quando mi trovo in questa situazione. Abbiamo piani di gioco diversi e per questa partita contro il Le Mans l’allenatore non ha voluto svelarmi dall’inizio. Voleva iniziare più grande.

L’assenza di Leo, così come quella di Matt, cambia i piani. Ma tipi come Mike ci aiutano. Lo abbiamo visto nel primo tempo. Dobbiamo adattarci. Ike ha giocato in 5 e 4. Tutti dobbiamo alzare l’asticella in momenti come questo. Come dice il mister, la stagione è fatta di alti e bassi e non possiamo usare le assenze come scusanti. Dobbiamo fare quello che deve fare lui, indipendentemente dalla lista che abbiamo. Alcune sconfitte ti portano con i piedi per terra. Non torneremo a giocare a Parigi, ma dovevamo tornare e dimostrare che stiamo facendo progressi.

Amo l’energia del pubblico. Ogni fiammifero in casa le do da mangiare questa parte. Il basket è anche intrattenimento per i fan. Devi assorbire quell’energia ed è quello che mi piace fare e usare a casa.
Gli scatti che ho fatto, e li ho indossati stasera, li ho fatti centinaia di volte nella mia vita. Adoro quei pezzi grossi nei momenti caldi. Ma è stata la squadra che ha saputo mettermi in buone posizioni e tutto quello che dovevo fare era tirare. C’erano giocatori più alti davanti a me, ma ho imparato a giocare con il dislivello. È sempre stato così e so cosa devo fare per trovare buoni scatti, qualunque cosa accada. Questo è quello che ho provato a fare ed è quello che funziona davvero bene in questo gioco “.

READ  Super Hero International ha confermato finora

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.