“Sono un allenatore con un numero 10 sulla schiena” – La Grinta

Il Sassuolo ha sviluppato da Roberto de Zerbi una delle epopee che hanno rivoluzionato il calcio italiano. In un’intervista a El Pais e Diego TorresIl nuovo allenatore dello Shakhtar, che martedì 19 ottobre ospiterà il Real Madrid, è tornato sullo sviluppo del gioco.

Mi sono allenato da giocatore in cava da Milano. Si dice che Baresi, Maldini, Tassotti e Costacurta ti abbiano dato molto pugno. Erano così difficili?

Lo facevano per il mio bene. All’epoca, giocare duro faceva parte dell’educazione calcistica. Perché forse il Ten, il talentuoso giocatore, era quello che si è sempre divertito ad allenarsi. Devo ringraziare Maldini, Costacurta, Baresi, Tassotti, Albertini, Boban, Savevic, Baggio… perché mi hanno fatto capire cos’è il calcio professionistico. Il gioco è uno specchio di allenamento. Giochi in modo competitivo come ti alleni.

Gli anni ’90 sono stati il ​​periodo più difficile nella storia del calcio per giocare al numero 10?

cento per cento. Gli anni ’90 sono stati il ​​periodo più difficile perché era il 4-4-2. In Spagna, si incarna a Valencia de Cooper e in Inghilterra, nello United, con Cole e York in testa. Il Dieci quindi – con difficoltà – gioca il secondo punto o si posiziona ai lati come ala. Oggi viviamo in un rinascimento a 10. Ci sono molte squadre che puntano alla qualità. Incontriamo spesso squadre di più di 10 persone. Tutto è cambiato rispetto a questo periodo in cui ho sofferto molto. Fu il Dieci Ordinario a soffrire tatticamente.

Lo Shakhtar gioca con due: Alan Patrick, Pedrinho…

E tre e quattro. nessun problema. Ma devo dire una cosa: non ero un grande 10. Tecnicamente ero bravo ma avevo ancora problemi fisici o problemi con gli allenatori. Sono sempre stato in disaccordo. Se la mia carriera è stata mediocre, è colpa mia, non del mio allenatore. Te lo sei meritato. Ma lasciatemi aggiungere che ho sempre vissuto solo per il calcio. Non ho rimpianti.

“Il numero 10 che indossavo in campo, lo tengo come allenatore. Voglio aiutare i giocatori con tutto ciò che può aiutarli a giocare una partita che dobbiamo vivere insieme. Non è tennis. Ci sono 11 persone che hanno bisogno di un altro coordinamento .”

Ma tu eri un ribelle. Non pensi che il calcio di oggi abbia tanti giocatori e tanti soldati?

È vero che ci sono molti soldati. Ma non voglio soldati. esattamente il contrario. Il numero 10 che indossavo in campo, tienilo da allenatore. Voglio aiutare i giocatori in tutto ciò che può aiutarli a giocare un gioco che dobbiamo vivere insieme. Non è tennis. Ci sono 11 persone che necessitano di un altro coordinamento. Ma in campo, scegliendo di toccare, passare, correre, tirare, prendere posizione su un altro, voglio corrispondere al cento per cento con i calciatori. Perché oggi, nel calcio e nella vita, c’è molto meno coraggio e carattere rispetto a 20 anni fa. E ci siamo arrivati ​​anche grazie agli istruttori che volevano i soldati. Quando non consenti a ogni sistema la libertà di scelta, pensiero e azione, nel tempo troverai più soldati e meno giocatori con carattere.

READ  Un nuovo ristorante italiano ha aperto a Montreal ed è il paradiso di Instagram

Come calciatore, ho vissuto sulla linea tra professionista e non professionista. La lotta contro la realtà opposta. Cosa ti ha fatto perseverare?

Il calcio mi ha dato tutto. Io e la mia famiglia vivevamo meglio di quanto avremmo fatto senza il calcio. Mi ha permesso di incontrare amici, mi ha dato felicità, mi ha fatto imparare le lingue. Ho avuto molte soddisfazioni. Ho sempre cercato di restituire al calcio tutto quello che mi ha dato. Rispetto sempre la palla. Ho vissuto sulla frontiera, ma sulla frontiera tra essere nel mondo del calcio come voglio e fare a modo mio quello in cui credo, o non esserlo affatto. Se dovessi essere in questo mondo altrimenti, preferirei non esserci. Io amo il calcio. Ma a modo mio.

Sei il punto di riferimento del calcio italiano innovativo e controculturale. La reazione al vecchio calcio Rimani forte?

Non mi sento un punto di riferimento. Non voglio. Io amo l’Italia. Mi sento italiano al 100% e rispetto le tradizioni italiane perché anche quando abbiamo vinto il Mondiale 2006 con le nostre armi, ho vinto anche questo Mondiale. Mi sono persino sentito così felice e orgoglioso! La domanda che mi pongo è: ti piace l’idea tradizionale italiana di calcio? Stai bene con difesa bassa e contropiede? No. Non mi rappresenta né mi diverte. L’intrattenimento è un aspetto specifico. Se non mi piace fare una cosa, preferisco non farla. Oggi in Italia ci sono due scuole di pensiero. Tradizionale, che è corretto nella sua sopravvivenza, poi ci si ribella a certe cose del passato. Ma questo succede anche in Spagna, dove non tutti giocano come Barcellona, ​​Real Sociedad o Villarreal. L’anno scorso il Getafe ha giocato all’italiana. L’Atletico ha vinto l’ultimo campionato spagnolo 4-4-2 e Marcelino con l’Athletic è vicino alla scuola con un risultato di 4-4-2.

READ  L'Italia amava soffrire e voleva di più: 'È più bella'

Dove e quando è iniziato questo cambiamento nel calcio italiano?

Il punto di svolta in Italia, infatti, coincide con la grande vittoria del Barcellona di Guardiola. Questa squadra ha mostrato la strada. Non perché quello che stava facendo il Barcellona potesse succedere di nuovo, perché non sarebbe potuto succedere mai più. Ma perché molti dei concetti da lui usati sono stati importati dai tedeschi e dagli italiani.

Per esempio?

Attira l’avversario con passaggi corti, portalo fuori dalla sua area, trova il giocatore libero che si muove alle spalle di quei giocatori che ti metteranno pressione. Gli spagnoli sono stati i maestri nello sviluppare queste manovre a partire dal gioco di posizionamento. Iniziano creando un vantaggio numerico e poi cercano il giocatore che si muove tra le linee o il giocatore che rimane libero.

“Se voglio portare buoni giocatori in campo, devo pulire la palla. Non posso eliminarlo. “

Quali erano i tuoi riferimenti?

Ho cercato di prendere cose dalle squadre che mi hanno entusiasmato. Napoli de Sarri, Roma de Spalletti con Totti nei falsi nove, Barcellona e Bayern de Guardiola, il tedesco Campione del Mondo 2016, Borussia Monchengladbach de Favre, Real Sociedad Dalgoacil, Las Palmas de Quique Setien, Athletic di Bielsa… pensieri a tutto questo.

Rappresenti un gruppo di allenatori italiani conosciuti in tutta Europa per aver preso più rischi di chiunque altro fuori dal campo. Puoi farlo anche allo Shakhtar, dove il portiere Pyatov, i centrocampisti Matvienko e Marlon eseguono movimenti tecnici invece di liberare la palla. Non pensi che un tale rischio sia eccessivo?

Prima di mettere il mio team a fare una cosa, mi chiedo: ho più benefici o più rischi? Se avessi più rischi, non lo farei. Se avessi più vantaggi, se ne avessi. Anche se alcuni potrebbero pensare che sia troppo rischioso. Lo faccio comunque. Quando dico che sono un allenatore che porta un 10 sulla schiena, che è quello che indossavo da giocatore, ecco perché. Quando giocavo, non volevo mandargli palle lunghe alla testa o giocare la seconda palla. Volevo la palla ai piedi. Se voglio avere buoni giocatori in campo, devo avere la palla pulita. Non posso toglierlo.

READ  I suoi dieci impegni ambientali

Come si sta evolvendo lo Shakhtar?

Sono stato molto fortunato. Ho sempre allenato buoni giocatori e brave persone che credono in quello che fanno. Qui ho conosciuto un gruppo di grandi professionisti. Siamo all’inizio. Ma ci sono così tanti livelli, e un ardente desiderio di migliorare, che mi diverto ad allenarli. Che siano ucraini o brasiliani, sono professionisti molto seri. Sono facili da addestrare.

Come definisci la cultura del club?

Lo Shakhtar ha sempre giocato un calcio diverso da quello giocato nell’Europa dell’Est. Ha sempre scommesso sul calcio offensivo. Da quando hanno vinto l’European League nel 2008, riflettono la personalità del presidente Rinat Azhmetov. Il presidente ama il calcio, che io amo: il bel gioco e i buoni giocatori. Mi diceva sempre: È importante che tu vinca, ma per me è più importante il modo in cui giochiEd è proprio così! Giorgio Squeenzi, che era il presidente del Sassuolo, mi ha detto la stessa cosa. Ho avuto la possibilità di scegliere. Per questo alleno un’altra squadra dove ho un allenatore che mi somiglia.

Hai un punto dopo aver perso contro Sharif (2-0) e pareggiato con l’Inter (0-0). Pensi che le tue qualificazioni si giocheranno in queste due partite consecutive contro il Real Madrid?

Abbiamo quattro partite rimaste. Giocheremo tutti e quattro. Ovviamente perdere contro Sherif, che ha battuto il Real Madrid, ci ha fatto male. L’accordo si sta complicando, ma siamo sulla buona strada per migliorare. Non siamo ancora pronti per giocare la Champions come vorrei. Al momento, dobbiamo crescere vincendo premi nei campionati ucraini. Con più tempo probabilmente saremo pronti per giocare meglio la Champions League.

Come vedi il Real Madrid?

ne hanno uno artista capobanda In panchina Ancelotti, che ne ha appena sostituito un altro artista capobandaChi è Zidane? Stanno cambiando campo, con giovani come Militao o Vinicius, e tenendo grandi campioni, come Benzema, Kroos e Modric, che credo saranno pronti martedì.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *