Washington rimanda rapidamente gli immigrati in Centro America

(Washington) Venerdì le autorità statunitensi hanno iniziato il trasporto aereo di famiglie di immigrati in America Centrale, come parte di un sistema rapido per espellere le persone arrivate illegalmente dal Messico.


In passato, i governi repubblicano e democratico hanno utilizzato deportazioni accelerate per scoraggiare gli attraversamenti illegali delle frontiere tra il Messico e gli Stati Uniti, poiché gli Stati Uniti stanno assistendo a un forte aumento degli arrivi.

Il Dipartimento della sicurezza interna ha affermato che le famiglie sono state rimandate nei loro paesi di origine, tra cui Guatemala, El Salvador e Honduras, ma non ha fornito dettagli su quante persone siano state rimpatriate.

“Il dispositivo di rimpatrio accelerato è un mezzo legale per gestire in modo sicuro i nostri confini e rappresenta un passo verso il nostro obiettivo più ampio di raggiungere procedure di immigrazione sicure e ordinate”, ha affermato il ministero in una nota.

Secondo le autorità statunitensi, il numero di arresti di migranti che attraversano illegalmente il confine con il Messico è aumentato del 4,5% a giugno, contrariamente alle aspettative di una diminuzione del numero di arrivi con l’aumento delle temperature in estate.

Il confine meridionale degli Stati Uniti ha visto un numero record di immigrati durante la pandemia e dopo una serie di tempeste devastanti in America Centrale.

Funzionari eletti repubblicani hanno condannato Joe Biden per aver deviato dalle restrizioni anti-immigrazione del suo predecessore Donald Trump, la cui misura di “soggiorno in Messico” ha costretto migliaia di richiedenti asilo centroamericani a rimanere a sud del confine degli Stati Uniti, mentre la loro domanda è in fase di elaborazione .

READ  Texas | Una poliziotta è stata condannata per aver fatto appello per omicidio premeditato

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno annunciato lunedì la loro disponibilità a utilizzare il dispositivo di inoltro accelerato dopo la nuova ondata di arrivi, in particolare in Texas.

Circa un terzo dei migranti arrestati a giugno proveniva dal Messico, seguito da Honduras, Guatemala ed El Salvador. La maggior parte degli immigrati dal Sud America proveniva dall’Ecuador e dal Venezuela.

Il numero dei minori non accompagnati a giugno è aumentato dell’8% rispetto a maggio, per un totale di 15.253 minori, ovvero più di 500 al giorno. Gli Stati Uniti hanno promesso che sarebbero stati accolti nel paese invece di essere rimandati in Messico.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *