Washington intende essere “vigile” sull’utilizzo dei fondi iraniani

Washington intende essere “vigile” sull’utilizzo dei fondi iraniani

Gli Stati Uniti affermano di voler essere “vigili” riguardo all’utilizzo da parte dell’Iran dei 6 miliardi di dollari congelati in Corea del Sud che saranno rilasciati come parte dell’accordo con Teheran sullo scambio di prigionieri.

• Leggi anche: Iran: condannate due giornaliste

• Leggi anche: Un diplomatico svedese dell’UE è detenuto in Iran da più di 500 giorni

• Leggi anche: Iran: gli esperti delle Nazioni Unite paragonano la legge sull’hijab all’”apartheid”

Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha annunciato: “Rimarremo vigili, controlleremo l’utilizzo di questi fondi e avremo la possibilità di congelarli nuovamente se necessario”, spiegando che il Dipartimento del Tesoro avrà il sopravvento e i mezzi per monitorare . Questi soldi.

Ha aggiunto alla stampa a Washington: “Avremo una visione chiara del suo utilizzo e dei mezzi per monitorare” questi fondi.

Gli Stati Uniti hanno confermato lunedì che consentiranno il trasferimento di sei miliardi di dollari in fondi iraniani congelati alla Corea del Sud, come parte dell’accordo raggiunto in agosto.

Secondo Washington, l’Iran ha il diritto di utilizzare questi sei miliardi di dollari solo per acquisti umanitari come cibo e medicine.

Ma Teheran ha confermato lunedì di avere la possibilità di acquistare “tutti i beni non soggetti a sanzioni” da parte degli Stati Uniti e di “utilizzare integralmente questi fondi liberati” e non solo per acquistare “medicinali e cibo”.

Da parte sua, l’opposizione repubblicana al presidente Joe Biden ha denunciato il “riscatto” pagato a un Paese che Washington considera favorevole al terrorismo, cosa che il portavoce ha smentito: “Gli Stati Uniti non danno nulla all’Iran e non pagano”. Sono soldi.

Ha detto che il denaro è stato trasferito su conti bancari in Qatar attraverso banche europee intermediarie, che inizialmente erano riluttanti a partecipare.

READ  Ron DeSantis presenta la sua candidatura alla presidenza

In base alle sanzioni statunitensi contro l’Iran, tali transazioni sono di fatto vietate, il che spiega le esenzioni concesse dal segretario di Stato americano Anthony Blinken per sbloccare i fondi iraniani.

L’amministrazione Biden ha ammesso di aver fatto “scelte difficili”, sottolineando che la sua priorità era il rilascio degli americani e che i fondi appartenevano in precedenza all’Iran.

Il porto è presidiato, da ailleurs, per fissare un calendario per cambiare i prigionieri – quando i cittadini americani entrano in Iran contro 5 cittadini iraniani negli Stati Uniti – tutti sono limitati a ciò di cui non possono fare a meno questa settimana”.

In base all’accordo, Teheran ha posto agli arresti domiciliari cinque detenuti americani di origine iraniana prima del loro possibile trasferimento in Qatar, forse in parallelo con l’Assemblea generale delle Nazioni Unite che si terrà la prossima settimana a New York, alla quale parteciperà il presidente iraniano Ebrahim Raisi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *