Voi, una grande maggioranza, lo credete

Voi, una grande maggioranza, lo credete

Mentre Google, come Apple, prevedeva l’inizio della fine per le password, volevamo sapere se ci credevi. Era il nostro sondaggio per questa settimana, ecco i risultati.

Con le passkey che a loro volta vengono accettate da Google, il futuro delle password tradizionali è chiaramente in discussione. Perché Mountain View non è il solo a guidare questa iniziativa. Apple ha davvero iniziato lì così come 1Password. In generale, la maggior parte dei giganti della tecnologia si è impegnata ad adottare questo nuovo metodo di autenticazione.

Concretamente, gli utenti non devono più inserire una password per accedere al servizio. Tutto ciò di cui hai bisogno è un dispositivo disponibile che può essere utilizzato come autenticatore. Utilizzando un codice PIN o un metodo biometrico come il riconoscimento facciale o un lettore di impronte digitali, è possibile verificare la connessione.

Le passkey sono pensate per essere più sicure delle password, in particolare con il loro sistema a due chiavi. Una chiave pubblica detenuta dal sito Web a cui desideri accedere e una chiave privata che solo l’utente possiede: non puoi indovinare la tua chiave privata solo con una chiave pubblica.

Quindi, anche se potresti usare un gestore di password, lo farai probabilmente Un giorno dover dire addio alle password.

La fine delle password?

Questo ci ha ispirato a porre una domanda per il nostro sondaggio settimanale: Credi nella fine delle password? La soluzione più sostenibile o un’iniziativa destinata a fallire? Ecco i risultati.

sondaggio della settimana

Nel complesso, c’è un’ottima maggioranza che crede nella fine delle password, anche se il 53% di voi impiegherebbe molto tempo. D’altra parte, il 26,8% degli intervistati ha già iniziato a farne a meno. “Sarebbe davvero bello se non dovessi più digitare alcuna password. In realtà ho avuto la possibilità di testare la passkey, funziona bene, mi piace molto“, testimonia in particolare” BoubouGaming “.

READ  Nintendo è temporaneamente invincibile grazie a Mario, ma la sfida post-Switch rimane

Tra i materiali refrattari, il 15,3% degli intervistati ritiene che richiedano troppe modifiche. Anche se potrebbe essere solo una storia sull’abitudine e sugli usi. Infine, il 4,9% delle persone ritiene che questo sviluppo non sia né più né meno spaventoso.


Vuoi entrare a far parte di una community di appassionati? Il nostro disaccordo Vi dà il benvenuto, è un luogo di reciproca assistenza e passione per la tecnologia.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *