Verso un nuovo vaccino personalizzabile

Di base

  • NeoVax è sorprendentemente efficace nel trattamento delle cellule tumorali.
  • La sua efficacia dura almeno quattro anni.

Un vaccino pluriennale efficace contro il cancro della pelle: questa è una scoperta fatta dai ricercatori del Dana Farber Cancer Institute, Brigham and Women’s Hospital, Massachusetts Institute of Technology e Harvard (Stati Uniti). Il vaccino, chiamato NeoVax, prende di mira proteine ​​specifiche nelle cellule tumorali di ogni paziente. Quattro anni dopo, la risposta immunitaria derivante dal vaccino è ancora robusta ed efficace nel tenere sotto controllo le cellule tumorali. Risultati È stato pubblicato sulla rivista Medicina della natura 21 gennaio 2021.

In questo studio, otto persone sono state sottoposte a intervento chirurgico per trattare il melanoma avanzato che potrebbe ripresentarsi. In uno studio clinico di fase 1, sono stati trattati con NeoVax 18 settimane dopo l’intervento. Il vaccino, composto da epitopi – frammenti di proteine ​​che lasciano la superficie delle cellule e agiscono come segnali per il sistema immunitario – lavora per aumentare l’efficienza dei linfociti T. Gli epitopi NeoVax provengono da proteine ​​anomale delle cellule tumorali e il loro ruolo è di avvertire il corpo che la cellula è cancerosa e deve essere distrutta. Poiché i nuovi antigeni si trovano solo nelle cellule tumorali, la risposta immunitaria stimolata preserva le cellule normali.

Dopo quattro anni di trattamento con NeoVax, tutti gli otto pazienti erano vivi e sei di loro non mostravano segni di malattia attiva. Guardando le cellule T dei pazienti, I ricercatori hanno scoperto che non solo le cellule “ricordavano” gli epitopi bersaglio originali, ma hanno anche ampliato il loro repertorio per identificare altri episodi associati al cancro della pelle.

READ  Il dottor Vichon non risponde alla petizione per revocare il coprifuoco quando i cavi saranno arrotolati

Vaccino efficace nel tempo

Questi risultati mostrano che il nuovo vaccino antigene personale può stimolare una risposta immunitaria a lungo termine nei pazienti con melanomaKatherine Wu, co-direttore dello studio, ha detto. Abbiamo trovato prove che la risposta immunitaria primaria e mirata si è ampliata nel corso degli anni per fornire ai pazienti una protezione continua contro le malattie.. “

In due pazienti, il cui cancro si è diffuso ai polmoni, i ricercatori hanno trovato segni che le cellule T sono entrate nel tessuto tumorale, dove possono combattere le cellule di melanoma in modo più efficace.

Abbiamo trovato la prova di tutto ciò che stiamo cercando in una risposta immunitaria robusta e sostenutaDice Patrick Ott, che ha co-condotto lo studio con Kathryn Wu. Le cellule T hanno continuato a colpire specificamente le cellule di melanoma e hanno mantenuto la memoria degli epitopi a cui hanno inizialmente risposto. Le cellule T sono state attivate per uccidere le cellule tumorali e, cosa più importante, si sono ramificate per colpire gli epitopi del melanoma non inclusi nel vaccino originale.




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *