Vari metodi di prevenzione dell'HIV

Vari metodi di prevenzione dell'HIV

Secondo lo studio Ifop di Sidaction l'uso del preservativo è in calo. Ma non è l’unico modo per prevenire l’HIV. Lo screening è un altro metodo che dovrebbe essere incorporato in una campagna di sensibilizzazione.

Secondo l'ultimo studio condotto dall'Ifop per Sidaction, il 66% dei giovani che hanno avuto rapporti sessuali negli ultimi 12 mesi non utilizza sistematicamente il preservativo. Ma la metà di loro giustifica i propri rapporti sessuali non protetti sottoponendosi a un test di screening. Ma come dice Emmanuel Beaudoinette, Presidente Regionale dell'Associazione di aiutoLa prevenzione dell’HIV comprende anche altri metodi, come la profilassi pre-esposizione e lo screening.

In effetti, questi approcci forniscono nuove opzioni per proteggersi dall’HIV. “Ci sono una serie di possibilità e noi selezioniamo e scegliamo. Ogni persona trova i propri mezzi di prevenzione. E non proteggerti, se ti sottoponi regolarmente ai test, questa è la cosa più importante“, spiega. Perché secondo lui, una volta che un paziente conosce il suo stato di HIV, può sottoporsi a un trattamento e quindi avere una carica virale non rilevabile. Questa è la regola del “3 90”:

  • Il 90% delle persone infette da HIV conosce il proprio sierostato,
  • Il 90% di tutte le persone sieropositive sottoposte a screening ricevono una terapia antiretrovirale permanente,
  • Il 90% delle persone che ricevono la terapia antiretrovirale hanno soppresso in modo permanente la carica virale.

Quando vieni testato regolarmente, diventa presto non rilevabile“Pertanto, il test HIV costituisce un elemento essenziale nella lotta all'epidemia. Permette di conoscere lo stato sierologico di una persona e, in caso di infezione da virus, ottenere cure adeguate e mettere in atto misure preventive per evitare la trasmissione del virus. Inoltre, la diagnosi precoce aiuta a ridurre il rischio di complicanze” associate all’HIV e a migliorare la qualità della vita delle persone che vivono con l’HIV.Vivi bene con“‘90’ può formare anche una quarta”, spiega Emanuel.

READ  Il loro colore dice molto sulla tua personalità, secondo la scienza

Ma il problema della discriminazione, dei pregiudizi e del ridicolo che possono subire le vittime sieropositive può ostacolare tale screening. “Capisco la paura delle persone, per questo è necessario testimoniare. Dobbiamo lottare contro la discriminazione“, aggiunge Emmanuel Baudouignette.

Perché solleva un grosso problema e una vera preoccupazione. Secondo i dati del 2021, in Francia, una persona su tre viene sottoposta a screening in fase avanzata, il che significa un aumento del rischio di comorbidità. In Borgogna Franca Contea, il tasso di infezione è di una persona su due. “Il BFC ha l’epidemiologia più recente, ma le persone vengono testate raramente e tardi“, conferma il capo assistente. Il suo messaggio è chiaro: “O ci proteggiamo o ci oscuriamo“.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *