Uno studio ha scoperto che i T-Rex adolescenti respingono le specie di dinosauri più piccole

Un team di scienziati americani ha dimostrato che la prole di enormi dinosauri carnivori come il T-Rex, che è cresciuto dalle dimensioni di un gatto a una creatura enorme, ha lavorato sul proprio ecosistema competendo con specie più piccole.

Il loro studio, pubblicato giovedì sulla prestigiosa rivista Science, aiuta a rispondere a un mistero persistente sui 150 milioni di anni circa di dinosauri che hanno governato: perché c’erano così tante specie più piccole, quindi è l’opposto degli animali terrestri oggi?

“Le comunità dei dinosauri erano come centri commerciali il sabato pomeriggio, piene di adolescenti”, dice Kat Schroeder, ricercatrice presso l’Università del New Mexico che ha condotto lo studio.

Ha spiegato che questi “adolescenti” rappresentano “un’ampia porzione di individui di qualche tipo che sembrano aver avuto un impatto reale sulle risorse disponibili nelle loro comunità”.

Anche con un numero limitato di fossili, gli esperti ritengono che i dinosauri a livello globale non fossero molto diversi: ci sono solo circa 1.500 specie conosciute, rispetto alle decine di migliaia di specie di mammiferi e uccelli oggi.

Durante l’intera era mesozoica, tra i 252 ei 66 milioni di anni fa, c’erano specie di dinosauri relativamente più grandi che pesavano una tonnellata, rispetto a quelle che pesavano meno di 60 kg.

Secondo alcuni scienziati, sapendo che anche i dinosauri più grandi iniziano la loro vita molto giovani a causa della loro presenza nelle uova prima della nascita, è possibile che occupino le risorse di specie più piccole, in ecosistemi dove era naturale essere regine.

Per testare questa teoria, Kat Schroeder e colleghi hanno esaminato i dati fossili di tutto il mondo, da 550 specie diverse, dinosauri organizzati per taglia e se erano erbivori o carnivori.

READ  Esplorazione di Marte | Montreller al timone della perseveranza

Scopri un incredibile cratere di dinosauri carnivori di medie dimensioni in qualsiasi comunità in cui sono stati trovati megateropodi o predatori giganti come il Tyrannosaurus rex.

“Ci sono pochissimi dinosauri carnivori che pesano tra i 100 ei 1.000 chilogrammi in società con grandi gambe”, afferma Kat Schroeder. “E i piccoli giganti riempiono esattamente quello spazio.”

Questa conclusione è supportata da come la diversità dei dinosauri si è evoluta nel tempo. Il periodo Giurassico (tra 200 e 145 milioni di anni fa), aveva fori più piccoli in questa categoria, quando il periodo Cretaceo (tra 145 e 65 milioni di anni fa) aveva fori molto grandi.

Questo perché i giganteschi adolescenti del periodo giurassico sembravano più adulti e c’era una maggiore diversità di erbivori da cacciare.

“Il Cretaceo, d’altro canto, è dominato da tirannosauri e meleti, che evolvono molto quando invecchiano”, ha spiegato il ricercatore.

“Penso che stiamo lentamente iniziando a capire i dinosauri come animali, non li guardiamo più come cose interessanti, dove ho lasciato la paleontologia e dove erano molto tempo fa”, ha detto di essere felice con Agence France-Presse.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *