Una settimana di dialogo tra media e pubblico

Poco più di due anni fa, la Federazione professionale dei giornalisti del Quebec (FPJQ), in collaborazione con Agence Science-Presse, ha creato il programma 30 Seconds Faith. Fin dal suo inizio, questa formazione sulle fake news ha suscitato grande interesse ed è la prova di un vuoto da colmare. “Era chiaro che le persone dovevano comprendere meglio la disinformazione sui social network e persino capire cos’è il giornalismo in generale”, spiega Catherine LaFrance, Direttore generale di FPJQ.

E così è nata la versione del Québec della Press Week. L’ideatore di 30 Seconds, Line Pagé e la giornalista Ève Beaudin, hanno suggerito l’avventura, ispirandosi al lavoro del call center dell’Enseignement et des Médias d’Information (CLEMI), che organizza la settimana in Francia. Giornalismo e media alla scuola, la cui 31a edizione si terrà a fine marzo.

Ricostruire la fiducia

La Press Week è un veicolo per FPJQ per costruire un ponte tra i media e il pubblico e ristabilire il legame di fiducia che è stato eroso negli ultimi anni. “Penso che questo dialogo dovrebbe esistere più che mai”, insiste Lafrance, perché in quest’epoca di manipolazione delle informazioni, meglio il pubblico conosce i giornalisti, le realtà che devono affrontare e le regole del commercio, meglio capiscono. [la presse]. »

Con tutti i mezzi di comunicazione a portata di mano, diventa sempre più complesso per i giornalisti adempiere alla loro “missione di giornalisti”, ritiene Guilaine Spagnol, coordinatrice degli eventi FPJQ. Aggiunge che da qui nasce l’importanza dell’evento, che rende il lavoro giornalistico più trasparente.

La curiosità dei partecipanti è piaciuta particolarmente a Catherine Lavrancy lo scorso anno. “Sentivo che c’erano persone che non capivano tutti i metodi di lavoro delle società di giornali e stavano imparando di più”, dice.

READ  Un nuovo target di trattamento per prevenire la progressione del tumore

Per questa seconda edizione, “We Preserve Our Classics”, sottolinea Ms. Lafrance, comprese le conferenze e le mostre alla Grande Bibliothèque de Montréal e le gallerie di fotogiornalismo, in particolare quelle dei finalisti del Premio Antoine-Desilets, negli Open Days. Riviste settimanali e stazioni radio comunitarie, nonché incontri tra studenti e giornalisti. Il comitato organizzatore è impegnato a dare gli ultimi ritocchi prima che il programma completo venga rivelato, possibilmente a marzo.

Una delle attività più apprezzate è stata organizzata lo scorso anno al Cégep régional de Lanaudière à l’Assomption, dove nove giornalisti che esercitano una diversa faccia del giornalismo sono andati a incontrare gli studenti, in aula o alla tavola rotonda, per esempio. , Spiega Guilaine Spagnol. . Il formato sarà trattato quest’anno a L’Assomption e uno o due CEGEP potrebbero unirsi al gioco.

FPJQ ha anche firmato una partnership con CLEMI, aprendo le porte al mondo, afferma la signora Lafrance. Questo accordo consente al sindacato di organizzare attività, questa volta con giornalisti e fumettisti internazionali.

Rivista per bambini dai 9 ai 12 anni

Come parte della componente scolastica della settimana della stampa, FPJQ lancerà Pour ton info, una rivista rivolta ai bambini dai 9 ai 12 anni, questa primavera. “È un’epoca in cui si fanno molte domande”, osserva Guilaine Spagnol.

La rivista di 24 pagine conterrà interviste, testimonianze, foto della stampa, giochi (ovviamente) e persino un fumetto. “Useremo diversi titoli per illustrare la diversa lettera”, spiega la signora Spagnol. L’obiettivo è familiarizzare i giovani del quarto, quinto e sesto anno con i mezzi di informazione.

Le informazioni su Pour ton saranno disponibili gratuitamente in formato digitale a partire dal 27 aprile, tuttavia, Grazie alla concorrenzaQuindici scuole in quel momento avranno l’opportunità di vincere copie cartacee e incontrare uno specialista dell’informazione durante la settimana della stampa. E chissà, la versione cartacea della rivista potrebbe anche essere condivisa con amici e familiari. “Potrebbe ripristinare l’interesse nella stampa scritta”, spera la signora Spagniol.

READ  Lettera a un cospiratore | Scienza | Notizie | il Sole

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *