Una persona è morta di rabbia in Guyana, per la prima volta in 16 anni

Una persona è morta di rabbia in Guyana, per la prima volta in 16 anni

Sono ancora in corso le analisi per determinare le cause della morte di altre due persone che lavoravano in un sito di estrazione dell'oro nel sud della Guyana.

Tre pazienti sono morti al Cayenne Hospital e almeno uno di loro aveva la rabbia, il primo caso documentato in sedici anni, hanno detto giovedì la provincia e l'American Relief Society of Guyana. I tre pazienti sono stati ricoverati nel reparto di terapia intensiva tra il 17 febbraio e il 1 marzo. «Dal sito Cerca l'oro “Acqua Chiara”nella Guyana meridionale.

Nel comunicato non sono specificate le date della morte, e sono ancora in corso le analisi per determinare le cause della morte delle altre due persone. Finora, l’unico caso documentato di rabbia in Guyana risale al 2008, afferma Anne Lavergne, direttrice del Laboratorio di interazioni virus/ospite presso l’Istituto Pasteur. “Il principale serbatoio di rabbia in Sud America è il pipistrello vampiro Desmodus rotundus.”Lo ha spiegato all'Agence France-Presse.

Il virus mortale

Questo virus è fatale per tutte le specie, compreso l'uomo, ad eccezione di questi pipistrelli. Non è ancora noto come la vittima sia stata contaminata, ha detto Anne Lavergne, aggiungendo che è probabile “Un’intera colonia di pipistrelli è stata infettata in un breve periodo di tempo, aumentando la probabilità di scontri tra una popolazione umana locale”..

Le autorità sanitarie stanno rintracciando le persone che potrebbero essere state in contatto con il paziente e una missione di sanità pubblica si recherà sul sito illegale di Eau Claire per valutare la situazione, secondo la provincia e l'ARS.

READ  Sbloccare la salute del cervello attraverso la scienza della nutrizione

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *