Una causa contro lo stato di New York | Uno degli uomini assolti per l’omicidio di Malcolm X chiede giustizia

(New York) I suoi avvocati hanno annunciato martedì che uno degli uomini recentemente assolti nell’omicidio del 1965 di Malcolm X sta chiedendo decine di milioni di dollari dallo stato di New York e dalla città stessa, per riparare i danni che ha subito.


Muhammad Aziz, 83 anni, che si è sempre dichiarato innocente durante i suoi 20 anni di carcere, ha dovuto aspettare fino al 18 novembre la Corte Suprema dello Stato di New York per assolverlo formalmente dall’assassinio di questa controversa icona della causa afroamericana. Poi il procuratore generale di Manhattan Cyrus Vance gli ha offerto le sue “scuse” per i suoi “decenni di ingiustizia”.

Questa storica decisione del tribunale riguardava anche uno degli altri due uomini condannati nel 1966, Khalil Islam, morto nel 2009.

Tuttavia, “per decenni, anche subito dopo l’assassinio di Malcolm X, la polizia di New York e l’FBI hanno avuto prove che non solo hanno dimostrato l’innocenza del signor Aziz e del signor Islam, ma hanno anche identificato gli assassini di Malcolm X”, i loro avvocati David Chanese e Deborah Francois hanno affermato in una dichiarazione.

Ricordano in particolare che nel 1977, il terzo imputato, che confessò di aver sparato a Malcolm X il 21 febbraio 1965 in una stanza di Harlem, aveva ancora una volta rivelato le identità dei suoi complici, Baraa Muhammad Aziz e Khalil Islam.

Nella prima citazione civile depositata presso il tribunale dello stato di New York, il sig. Aziz sostiene che a seguito di questa condanna “ingiusta”, ha trascorso “20 anni in diverse carceri di massima sicurezza a New York”, inclusa la richiesta di danni “almeno $ 20 milioni”. .

READ  Criminal Trust ospitato da Credit Suisse per decenni

In un procedimento separato, ha formalmente avvertito New York City, da cui dipende il NYPD, della sua intenzione di chiedere 40 milioni di dollari in particolare per “detenzione illegale” e “gravi danni emotivi, psicologici e fisici”, se non si raggiunge un accordo. è stato trovato.

“Chiunque mi ha privato della mia libertà e ha privato la mia famiglia di marito, padre, nonno e nonno deve assumersi la responsabilità”, ha detto Muhammad Aziz in un comunicato stampa rilasciato dal suo avvocato.

Quest’ultimo specifica che stanno preparando azioni simili agli eredi di Khalil al-Islam.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.