Un paziente paralizzato riacquista le sue capacità motorie grazie a un trapianto

Un paziente paralizzato riacquista le sue capacità motorie grazie a un trapianto

Quotidiano popolare online 06/02/2024 09:40

Ricercatori cinesi hanno recentemente annunciato che i primi due pazienti tetraplegici a cui è stata impiantata un'interfaccia cervello-macchina cinese hanno riacquistato alcune delle loro capacità motorie.

Il primo paziente è un uomo di 54 anni rimasto paralizzato dal collo in giù in seguito a un incidente stradale nel 2010. Gli è stato impiantato un impianto che collega le onde cerebrali a un computer come parte di uno studio clinico condotto presso l'ospedale Xuanwu di Capital Medical University di Pechino.

L'impianto, chiamato Neuroelectronic Opportunity, ha le dimensioni di una moneta. È wireless e minimamente invasivo. Due impianti sono stati posizionati all'interno del cranio del paziente in un'area che previene danni al tessuto nervoso.

Il paziente ha lasciato l'ospedale dopo dieci giorni. L'Università di Tsinghua, che ha sviluppato il sistema in collaborazione con l'ospedale di Xuanwu, ha affermato che dopo tre mesi di riabilitazione a casa, ora è in grado di tenere la bottiglia e bere mentre indossa un guanto speciale collegato neuralmente all'impianto.

Una foto di Zhao Guoguang (il primo da destra), professore all'ospedale di Xuanwu, e dei membri del suo team durante l'impianto di un sistema di stimolazione cerebrale come parte di una sperimentazione clinica a Pechino. (Foto/Xinhua)

In una dichiarazione rilasciata il 31 gennaio, l’università ha affermato che una volta implementato l’algoritmo di apprendimento automatico, il paziente sarà in grado di nutrirsi da solo. “Quando il sistema sarà ulteriormente sviluppato, il paziente sarà in grado di eseguire molti movimenti con la mano e molte funzioni verranno ripristinate”.

“Anche le funzioni danneggiate dalla lesione del midollo spinale mostrano segni di miglioramento e il paziente ha detto di aver iniziato a sentire differenze di temperatura nelle sue mani”, ha detto Zhao Guoguang, direttore dell'ospedale di Xuanwu e capo dell'équipe chirurgica.

READ  Siamo davvero quello che mangiamo?

Il secondo paziente, che ha subito una lesione al midollo spinale, è stato sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale Tiantan di Pechino. Il sistema funziona normalmente e il paziente viene sottoposto a riabilitazione a casa.

Un sistema di interfaccia cervello-macchina consente la comunicazione tra il cervello e un dispositivo esterno, come un computer, monitorando e analizzando le onde cerebrali.

Gli esperti affermano che potrebbe aiutare i pazienti con lesioni del midollo spinale o malattie come la sclerosi laterale amiotrofica e l’epilessia a ritrovare la mobilità.

I ricercatori cinesi hanno affermato che il sistema di interfaccia cervello-macchina cinese ha un vantaggio rispetto alle sue controparti straniere in quanto il processo di impianto non danneggerà il tessuto cerebrale, evitando infiammazioni e cicatrici. Un altro vantaggio è che il sistema non richiede l'inserimento di una batteria all'interno della scocca.

(Editore web: 孙鸿宇, Yishuang Liu)

Leggi anche:

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *