Un importante fattore di rischio per la malattia renale cronica

Un importante fattore di rischio per la malattia renale cronica

Uno studio francese pubblicato sul Journal of Nephrology[1] Si è interessato all'epidemiologia del fumo nei pazienti con insufficienza renale che necessitano di trattamento dialitico in Francia e ha valutato il coinvolgimento dei nefrologi nel sostegno ai pazienti affinché smettano di fumare.

Per sostenere la cessazione del fumo, un questionario su questa pratica è stato inviato a tutti i membri della Società francese di nefrologia, dialisi e trapianto (SFNDT).

Epidemiologia del tabacco nei pazienti in dialisi

Nel 2020, tra 49.165 pazienti identificati nel registro REIN francese, i fumatori rappresentavano circa il 12% della coorte, gli ex fumatori il 25% e i non fumatori il 50%, per il 14% dei quali mancavano dati. Questi numeri sono generalmente stabili tra il 2010 e il 2020. I pazienti che sono ex fumatori hanno spesso una storia di cancro e hanno un tasso più elevato di comorbidità cardiovascolari (3 e oltre).

Questi numeri osservati tra i pazienti in dialisi, che hanno un'età media compresa tra 65 e 75 anni, appaiono simili ai tassi di fumo osservati nella loro fascia di età nella popolazione generale.

Tabacco, un importante fattore di rischio per le malattie renali

Il fumo è un fattore di rischio indipendente per le malattie cardiovascolari, come l’ipertensione, che notoriamente causano malattie renali croniche. Ma il fumo è identificato anche come fattore di rischio indipendente per l’insorgenza e la progressione della malattia renale cronica.

Partecipazione dei nefrologi alla cessazione del fumo

Questa pubblicazione riporta anche la prima indagine relativa alla pratica di cessazione del fumo tra i nefrologi che esercitano in Francia.

I nefrologi si trovano al crocevia della cura dei pazienti con malattia renale cronica che presentano molteplici comorbidità e sono attivamente coinvolti nel coordinamento dell'assistenza.

READ  Le scienze dell'Odissea - Les Dibreuilliers

La comunità nefrologica sembra essere convinta dei benefici della cessazione del fumo nei pazienti con malattie renali, e molti nefrologi sembrano voler essere maggiormente coinvolti nel processo di cessazione del fumo poiché il 72,8% di loro ha offerto assistenza ai propri pazienti per smettere di fumare. La maggior parte di loro (81,6%) ha indicato di aver bisogno di formazione e di non disporre di strumenti adeguati per supportare i propri pazienti nella cessazione del fumo nella loro pratica quotidiana.

Parole chiave: reni, malattia renale, astinenza, nefrologi, fumo

©Generazione senza tabacco

XE


[1] Haussaire D, Couchoud C, Elharrar J Nefrolo. 23 gennaio 2024. doi: 10.1007/s40620-023-01842-2. L'editoria elettronica prima della stampa. PMID: 38253969. https://link.springer.com/article/10.1007/s40620-023-01842-2

Comitato Nazionale Antifumo |

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *