Un ex pilota guida una nuova generazione di scienziati

Un ex pilota guida una nuova generazione di scienziati

Un ex pilota guida una nuova generazione di scienziati

Questo Rotary americano lavora da vent’anni con i giovani dei quartieri disagiati. Molti di loro ora lavorano nei campi della scienza, della tecnologia e dell’ingegneria.

testo :

Gondar Bradshaw, ex pilota militare e fornitore di servizi per l’Agenzia spaziale statunitense, ha ora una nuova missione: supportare la prossima generazione di scienziati e ingegneri, in particolare provenienti da quartieri svantaggiati.

Il signor Bradshaw è cresciuto con la passione per la scienza e la tecnologia osservando suo padre, un controllore del traffico aereo, e sua madre, un’insegnante di biologia. Suo padre era una delle poche persone di colore nella sua professione e si è trovato nella stessa posizione all’inizio della sua carriera alla NASA.

JonDarr Bradshaw, Local Engagement Coordinator presso il Great Lakes Science Center di Cleveland (USA), guida un team di studenti delle scuole superiori con la passione per la robotica e un interesse per il lavoro umanitario.

Foto di Dustin Franz per Rotary International


“Ma la NASA ha lavorato duramente per cambiare la situazione”, afferma Bradshaw, socio del Rotary e-Club World Peace District 5330 World Peace District 5330. “La NASA è stata in prima linea nell’integrazione”.

Aiutare la NASA a continuare in questa direzione è una parte importante del lavoro di Mr. Bradshaw che, più di vent’anni fa, ha invitato i giovani provenienti da ambienti sottorappresentati nei campi della scienza e dell’ingegneria a interessarsi a questi argomenti. I suoi presidenti volevano migliorare la diversità e affrontare una carenza di candidati qualificati per perseguire la missione dell’organizzazione.

Il signor Bradshaw ha anche contribuito a diffondere la scienza al grande pubblico apparendo in programmi televisivi statunitensi come “Space Age” a tema marziano e “Science Guy” su Nashville Tonight.

Il suo background professionale lo ha portato a lavorare in vari centri scientifici prima di entrare a far parte del Great Lakes Science Center di Cleveland, dove è coordinatore locale del coinvolgimento e responsabile della programmazione dell’educazione al volo. Visita scuole, biblioteche e centri comunitari locali per coinvolgere i giovani nella scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM).

“Devi iniziare con qualcuno con cui possono relazionarsi, che è interessato alla scienza e all’ingegneria, che ne parla in modo divertente e che può interessare i bambini molto presto”, spiega. Perché se riusciamo a suscitare il loro interesse fin dalla tenera età, quella passione sarà con loro molto tempo dopo che me ne sarò andato. »

Robot per adolescenti

Il suo lavoro educativo con la NASA lo ha introdotto a Primo concorso di robotica, per il quale è diventato volontario. Il Science Center offre anche un programma di robotica per studenti delle scuole superiori in collaborazione con il Cleveland Metropolitan School District. Il signor Bradshaw e altri due scienziati in pensione supervisionano più di 60 studenti provenienti da quartieri svantaggiati. Quattro team progettano e costruiscono robot su scala industriale per competere in competizioni nazionali mentre acquisiscono competenze che in seguito amplieranno i loro orizzonti lavorativi.

“Festeggia 21 anni di volontariato giovanile con FIRST”, afferma Bradshaw. La maggior parte sono nei campi STEM e molti lavorano nell’aviazione. E `veramente forte. »

L’anno scorso, le sue squadre si sono comportate bene in una competizione regionale che ha coinvolto sei stati. Molte altre squadre provenivano da quartieri più ricchi. Dopo la competizione, sfida i giovani: ora che hai imparato qualcosa, come utilizzerai le tue capacità per rendere la tua comunità e il mondo un posto migliore?

Una mano protesica progettata dagli studenti utilizzando software di progettazione assistita da computer e stampanti 3D.

Foto di Dustin Franz per Rotary International


Dai robot alle protesi

La risposta non si è fatta attendere. Dopo aver fornito alcuni esempi di risultati di altre scuole superiori, gli studenti decidono su un nuovo obiettivo: utilizzare stampanti 3D e software di progettazione per realizzare protesi a prezzi accessibili per i bambini.

Poi viene a sapere di un candidato durante una presentazione al Rotary Club dell’associazione imah aiuta Per parlare di viaggi per fornire assistenza sanitaria a più di 100.000 persone in nove paesi.

Il co-fondatore dell’associazione, Ennis Allen, e il suo direttore delle comunicazioni, Jeff Crider, raccontano il loro incontro con il padre della dodicenne Samantha, rimasta ferita in un incidente d’autobus in Ecuador. La ragazza ha perso il braccio sinistro e non poteva più usare il braccio destro. Suo padre aveva sperato che l’ente di beneficenza sarebbe stato in grado di dotarla di una protesi, ma IMHelps non ha potuto aiutarla a causa della sua giovane età e della difficoltà di personalizzare i dispositivi per mani e braccia.

Come spesso accade in un Rotary, le riunioni si tengono attorno a un’opportunità commerciale. Il signor Bradshaw parla con la signora Allen e il signor Crider del lavoro che stanno facendo i suoi figli piccoli, e quindi hanno in programma di collaborare alla progettazione di una semplice protesi che potrebbe adattarsi al braccio di Samantha e consentirle di scrivere di nuovo. L’idea piace anche a uno studente la cui famiglia è immigrata da Guayaquil, in Ecuador.

“Ha convinto non solo il suo team, ma anche gli altri tre che gestiamo, che era qualcosa di cui avevano bisogno”, dice.

Gli studenti utilizzano quindi le foto e le informazioni fornite dalla signora Allen e dal signor Crider per progettare la protesi, che i volontari IMAH aiutano a consegnare a Samantha in ottobre. Dopo alcuni aggiustamenti, la ragazza è stata finalmente in grado di annotare le cose e conservarle. Ha dichiarato di voler fare un lavoro utile e aiutare gli altri diventando un medico. I giovani stanno attualmente lavorando a una nuova versione della protesi e continuano a collaborare con l’associazione per trovare altri bambini da aiutare. Il signor Bradshaw ha anche lanciato una raccolta fondi per consentire ad alcuni dei suoi studenti di partecipare a un viaggio di studio IMAIlps in Ecuador.

Questo tipo di opportunità per fare del bene fa parte di ciò che il signor Bradshaw apprezza al Rotary. Sua moglie, Julie Boswell, è socia dello stesso Rotary Club. Suo padre era un Rotariano e la sua famiglia ospitava spesso giovani in scambio. La sorella di Julie Boswell ha anche partecipato a scambi di giovani in Danimarca e Germania Ovest.

un giorno oggi

Gli eventi recenti hanno ravvivato il desiderio di aiutare il signor Bradshaw e la signora Boswell. Sette anni fa, al signor Bradshaw è stato diagnosticato un cancro esofageo, il che gli ha fatto chiedere se avrebbe mai incontrato il suo primo nipote. Ora guarito, è felice di trascorrere del tempo con i suoi due nipoti. Anche la signora Boswell ha avuto problemi di salute di recente. Entrambi sono convinti che sia giunto il momento di cambiare le cose.

Chiede “come possiamo aiutare, come possiamo rendere il mondo un posto migliore”. Oggi stiamo cercando di condividere questa idea con un’intera nuova generazione. E sono sensibili ad esso. »

16 maggio 2023

READ  La cortesia è "forse una scienza della vita", secondo un lessicografo e storico

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *