Un composto nella frutta per la prevenzione e il trattamento delle malattie

primario

  • Si pensa che il farnesol prevenga la perdita dei neuroni dopaminergici, una delle principali cause del morbo di Parkinson.
  • Il farnesol è utilizzato anche negli aromi e in profumeria.
  • La molecola interromperà l’attività di PARIS, una proteina chiave coinvolta nello sviluppo del morbo di Parkinson.

Mangiare frutta è sempre una buona idea salutare. Ricercatori statunitensi della Johns Hopkins University affermano che uno dei composti naturali, il farnesolo, che si trova anche nel mughetto e nel neroli, preverrà e invertirà il danno cerebrale del Parkinson. Presentano i loro risultati in uno studio pubblicato il 28 luglio sulla rivista Scienze della medicina traslazionale.

trattamento promettente

Una delle principali cause della malattia di Parkinson è la perdita dei neuroni dopaminergici. Si dice che il farnesol, che viene utilizzato anche negli aromi e in profumeria, prevenga questo fenomeno interrompendo la paris, una proteina chiave coinvolta nella progressione della malattia. La perdita di questi neuroni colpisce il movimento e la cognizione, causando sintomi caratteristici del Parkinson come tremore, rigidità muscolare, confusione e demenza.

Secondo i ricercatori, la capacità del farnesolo di bloccare la paresi potrebbe guidare lo sviluppo di nuovi interventi contro il morbo di Parkinson che colpiscano specificamente questa proteina. “I nostri esperimenti hanno mostrato che il farnesolo ha prevenuto significativamente la perdita di neuroni dopaminergici e deficit comportamentali reversibili nei topi, indicando la sua promessa come potenziale farmacoterapia per la prevenzione del morbo di Parkinson.Ha detto Ted Dawson, autore principale dello studio.

Proteggi il cervello dall’accumulo di paris

Questo è il dettaglio, il segreto delle persone interessate dal Parkinson, un accumulo di proteine ​​Paris ralentit la fabbricazione di una protezione proteica PGC-1alpha che protegge le cellule del cervello dei danni causati dalle molecole che ne determinano l’accumulo attivo nel cervello Senza PGC-1alpha, i neuroni dopaminergici muoiono, portando ai cambiamenti cognitivi e fisici associati al morbo di Parkinson.

READ  Tasso di incidenza per dipartimento in Francia

Per studiare se il farnesolo potrebbe proteggere il cervello dagli effetti dell’accumulo di parigi, i ricercatori hanno nutrito i topi con una dieta integrata con questa molecola o con una dieta regolare per una settimana. Successivamente, i ricercatori hanno somministrato fibrille preformate della proteina alfa-sinucleina legata agli effetti della malattia di Parkinson nel cervello.

Il doppio del numero di neuroni dopaminergici sani

I ricercatori hanno scoperto che i topi alimentati con la dieta a base di farnesolo hanno ottenuto risultati migliori in un test di forza e coordinazione progettato per rilevare i cambiamenti nei sintomi del Parkinson. In media, i topi si sono comportati meglio dei topi iniettati con alfa-sinucleina, ma alimentati con una dieta normale. Quando i ricercatori hanno quindi esaminato il tessuto cerebrale dei topi in entrambi i gruppi, hanno scoperto che i topi nutriti con una dieta ricca di farnesolo avevano il doppio del numero di neuroni dopaminergici sani. Avevano anche circa il 55% in più di proteina PGC-1alfa protettiva nel cervello rispetto ai topi non trattati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *