Sonno, narcolessia, cataplessia: come il cervello ci paralizza

Il team guidato dal professor Takeshi Sakurai sta presentando le prime prove delle connessioni tra questi neuroni nel cervello e questi tre tipi di disturbi, e propone quindi nuovi obiettivi di trattamento.

Alcuni neuroni e circuiti speciali che controllano il tono muscolare

sonno REM È il palcoscenico del sogno. I nostri occhi si muovono avanti e indietro, ma i nostri corpi rimangono immobili. Questa quasi paralisi dei muscoli durante i sogni o armonia durante la fase “REM” del sonno manca nelle persone che soffrono di disturbi comportamentali durante il sonno REM. Invece di immobilizzarsi durante questa fase del sonno, questi pazienti mantengono l’attività muscolare e possono arrivare al punto di alzarsi in piedi o urlare. Quindi il team ha appena identificato i neuroni nel cervello che normalmente regolano questo tipo di comportamento durante il sonno REM.

Cellule nervose che bloccano il movimento: Questo specifico gruppo di neuroni si trova in un’area del cervello chiamata regione della colonna vertebrale mediale ventrale e riceve segnali da un’altra area chiamata nucleo ipotalamico: “L’anatomia dei neuroni che abbiamo identificato corrisponde ai dati di ricerche precedenti. Questi neuroni sono collegati ai neuroni coinvolti nei movimenti volontari, ma non ai neuroni che controllano i muscoli oculari o gli organi interni”.

Questi neuroni sono “inibitori”., Il che significa che il suo compito è prevenire il movimento muscolare. Infatti, quando gli scienziati impediscono a questi neuroni di entrare, i topi si muovono nel sonno, proprio come una persona con un disturbo comportamentale nel sonno REM. La narcolessia è caratterizzata da un improvviso inizio di sonno in qualsiasi momento della giornata e la cataplessia caratterizzata da un’improvvisa perdita di tensione muscolare sono due condizioni in cui i muscoli si comportano come fanno nel sonno REM. I neuroni qui identificati sono ben associati a questi due disturbi. Eliminando il contatto nella regione del midollo ventrale mediale e nel nucleo dell’ipotalamo tegmentale nei topi, gli scienziati stanno stimolando, sempre nei topi modello, la catalessi, per ridurre il numero di convulsioni.

READ  Perché le riunioni "Zoom" ci stancano così tanto?

In breve, questo lavoro identifica sia i neuroni specifici che i circuiti speciali che controllano il tono muscolare sia nel sonno REM che nella cataplessia. Potenziali bersagli di nuove terapie per narcolessia, cataplessia o disturbi comportamentali nel sonno REM.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *