Scienze. I Neanderthal possono ascoltare e parlare proprio come noi

L’uomo di Neanderthal aveva un buon udito! E anche per quanto ne abbiamo. Secondo uno studio scientifico pubblicato lunedì, aveva persino un linguaggio articolato simile a suo cugino, Homo sapiens.

Le capacità cognitive dei Neanderthal sono state a lungo divise tra gli antichi antropologi, con alcuni che sostengono che solo l’Homo sapiens, la nostra specie, ha sviluppato la capacità di progettare e comunicare simboli fondendo insieme parole equivalenti. Il team di antropologi guidato dalla professoressa Mercedes Conde Valverde, specialista in bioacustica dell’Università di Alcalá, in Spagna, ricorda che l’archeologia sta documentando sempre più “comportamenti di Neanderthal complessi”.

Oggi sappiamo che come l’Homo sapiens, questa linea umana i cui rappresentanti sono scomparsi circa 40mila anni fa, sapeva seppellire i loro morti, ma sapeva anche come decorare i loro corpi o fabbricare strumenti sofisticati. Come nota l’antico antropologo francese Bruno Morelli, i nostri antenati condividevano “con altri lignaggi umani – che differiscono da noi in termini di morfologia (come i Neanderthal, ndr) – le stesse capacità di produrre e condividere attività simboliche”.

“Una lingua molto vicina alla nostra”

Il semplice fatto di produrre strumenti indica capacità cognitive, “che traducono almeno un linguaggio di articolazione simile, molto vicino al nostro”, dice. Per determinare se i Neanderthal possono usare una lingua, è necessario determinare se possono codificare concetti e se hanno la capacità anatomica di produrre e percepire il linguaggio, secondo gli autori dello studio pubblicato in Ecologia ed evoluzione naturale.

Lo hanno fatto ricostruendo all’incirca i canali uditivi esterni e intermedi di cinque esemplari della specie di Neanderthal vissuti da 130.000 a circa 45.000 anni fa. Quindi derivano valori che misurano la loro capacità di captare i suoni e soprattutto la loro gamma di frequenze, cioè quanto sono lontani. Tuttavia, “maggiore è la sua dimensione, più suoni diversi possono essere utilizzati e più efficace è la comunicazione”, spiega il professor Condé Valverde.

READ  Earth is spinning as fast as it has been for decades; Here's how scientists tackle this problem

Quindi confrontano questi valori con i valori di due gruppi di individui. Gli esseri umani moderni, i primi antenati dei Neanderthal, e molti di loro sono stati trovati a Sima de los Huisos, la “Grotta delle Ossa”, situata nel nord della Spagna e risalente a 430.000 anni fa.

La loro conclusione è che i Neanderthal condividono le stesse capacità uditive dell’Homo sapiens, in particolare la capacità di percepire i suoni a frequenze più alte di quelle dei loro antenati. Queste alte frequenze sono associate alla produzione di consonanti, una caratteristica importante del linguaggio umano, che lo distingue dal modo in cui comunicano gli scimpanzé, e quasi tutti i mammiferi, che dipendono in gran parte dalle vocali. Lo studio indica che le consonanti “hanno un’importanza speciale nel determinare il significato delle parole”.

Un complesso sistema di comunicazione audio

Ho concluso che se l’orecchio di un uomo di Neanderthal si è evoluto per catturarlo, era perché sapeva come produrlo. Si conclude che esiste “un sistema di comunicazione vocale complesso ed efficace come il linguaggio umano”.

Secondo il professor Conde Valverde, “è stato in grado di trasmettere informazioni verbali rapidamente e con un tasso di errore molto basso”. Crede persino che “se senti due uomini di Neanderthal parlare dietro una tenda, senza poterli vedere, penseresti di avere a che fare con persone di un altro paese che parlano una lingua straniera”.

Antoine Palzio, antico antropologo del Museo Nazionale di Storia Naturale, descrive l’articolo scientifico come “interessante, con un approccio cauto” degli autori. In particolare, la loro proposta è di “confrontare questi risultati con quelli dell’antico Homo sapiens”. In definitiva, osserva, ancor più della biologia o della genetica, la chiave per comprendere l’essere di Neanderthal erano i suoi “aspetti culturali, che sono davvero importanti”, dice. Semplicemente perché siamo presenti a livelli di concetti che significano la loro trasmissione, e quindi “che siamo in grado di emettere dei suoni per formare gruppi di parole”.

READ  Mangiare un hot dog potrebbe far perdere 36 minuti di aspettativa di vita

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *