Russia: Morte del poeta dissidente Lev Rubinstein

Russia: Morte del poeta dissidente Lev Rubinstein

Il poeta russo Lev Rubinstein, icona del dissidente sovietico e critico del Cremlino, è morto domenica all'età di 76 anni, ha annunciato la figlia, sei giorni dopo essere stato investito da un'auto e ferito gravemente a Mosca.

Maria Rubinstein ha scritto nel suo blog sul sito web “Live Journal” in un annuncio riportato dai media russi: “Mio padre, Lev Rubinstein, è morto oggi”.

Lev Rubinstein, le cui opere sono state apprezzate in Russia e in Occidente, è stato investito l'8 gennaio da un automobilista mentre attraversava una strada nella capitale, ed è stato poi portato in ospedale in gravi condizioni.

Il Dipartimento dei trasporti di Mosca ha dichiarato in un comunicato che l'autista non ha rallentato prima dell'attraversamento pedonale e ha investito Al-Shaer, spiegando che secondo i dati preliminari, il proprietario dell'auto è stato coinvolto in 19 violazioni della legge sulla strada negli ultimi 12 mesi. .

Nato nel 1947 a Mosca, Lev Rubinstein, bibliotecario di formazione, è stato una figura di spicco della scena letteraria sovietica clandestina degli anni '70 e '80, una “neo-avanguardia” che mirava a essere innovativa e irriverente.

È considerato uno dei fondatori del movimento “Concettuale” a Mosca negli anni '70, che si burlava della dottrina del realismo socialista ufficiale e voleva contraddirla.

Associato al ritmo, Lev Rubinstein ha creato un genere separato, “testo su carta”, relativo sia alla poesia che al teatro: il poeta legge sul palco, ad alta voce, brevi frasi scritte su schede perforate.

La pratica si ispira alla sua vita quotidiana di bibliotecario e un cenno alla malvagia burocrazia dell'era sovietica, mescolando performance, commedia assurda e improvvisazione, con l'idea di scrollarsi di dosso il torpore sovietico.

READ  Regno Unito | Il principe Andréj è coinvolto in un caso di frode

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, la sua reputazione in Russia peggiorò. I suoi lavori sono stati pubblicati in rinomate case editrici e ha lavorato anche come giornalista. È stato invitato a festival internazionali di poesia e le sue opere sono state tradotte in molte lingue.

Allo stesso tempo, il poeta non ha nascosto le sue opinioni anti-Putin sul regime, denunciando la repressione politica, le violazioni dei diritti umani e partecipando alle manifestazioni dell'opposizione.

Nel marzo 2022, lui e altri scrittori russi hanno firmato una lettera aperta in cui descriveva l’attacco su larga scala dell’esercito russo all’Ucraina come una “guerra criminale” e criticava le “bugie” del Cremlino.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *