Rudi Garcia esce! Il lavoro riprende a Lione, chi sarà il suo successore?

È bastata una partita e pochi minuti prima che l’Olympique Lyonnais passasse dalla luce alla disperazione. La delusione ha confermato la partenza di Rudi Garcia, espulsione da diversi mesi attesa dagli osservatori. Questo posto vacante lascia spazio alla speculazione ma anche e soprattutto agli attriti all’interno del Rhone Club. Chi lo sostituirà e ripristinerà l’immagine di Leon?

In subbuglio da quando se ne è andato Bruno GenesioL’Olympique Lyonnais fatica a trovare un allenatore del suo valore. Provare Sylvinho È stato il primo fallimento. Rudi Garcia È un vigile del fuoco abbastanza efficace, ma è tutt’altro che intelligente. Nonostante gli ottimi risultati in Champions League nella Finale 8, il tecnico francese non ha convinto e la mancata qualificazione in Champions League è un enorme fallimento. I tifosi non sono dietro al loro allenatore, la partita presentata non è attraente, nessun giocatore sta mostrando progressi reali e gli obiettivi del club non sono stati raggiunti. Orfana ai Giochi Europei, OL è in fondo al podio. Triplo fallimento Jean-Michel OlasJuninhoRudi Garcia. Alla fine del decennio, nel giugno 2021, si confermò il destino dell’attuale tecnico del Lione: la porta dell’uscita. Con questa forza lavoro, l’Olympique Lyonnais può sognare in grande o installare una buona filosofia di gioco nel tempo che aiuterà i giovani nel centro di formazione ad avanzare. Una caratteristica unica a Lione, ma molto trascurata negli ultimi anni.

Chi sono i candidati per questa posizione?

In questo elenco non esaustivo ci sono allenatori conosciuti in una forma o nell’altra del free-to-play francese a fine stagione e aderenti al bel gioco. Il primo criterio farà piacere a Jean-Michel Aulas, il secondo Juninho e il Sostenitori del Lione.

READ  In Italia la 'Ndrangheta punta a conquistare il mondo con discrezione

Attualmente senza contratto dopo aver lasciato il Rennes Stadium, Julian Stephan Ha il profilo perfetto per catturare lo sguardo di Jean-Michel Olas. Il tecnico ha limitato le prestazioni impressionanti con il Rennes vincendo in particolare la Coupe de France o qualificandosi per la Champions League. Le saghe europee che hanno stupito i sostenitori di Rennes. Pura felicità dopo tanti anni di monotonia in Bretagna. Il francese sarà il beniamino di Jean-Michel Aulas.

Saccheggiato da Nim dopo un periodo di crisi, Bernard Blackwart Un nome che potrebbe suonare atipico e lontano dagli standard di Lione. Tuttavia, il tecnico esperto ha sempre fatto affidamento su un gioco accattivante che si rivolgeva all’attacco. Nîmes Olympiques è stato autorizzato a rivendicare la Ligue 1 dopo diversi anni di scarsità. Bernard Blackwart è un filo in più nel suo arco, è un ottimo allenatore.

Conosciuto dagli appassionati di calcio francesi, Olivier D. Olio Sembra una guida ragionevole. Alla fine del decennio, il prossimo giugno, l’allenatore del Brest è un eccellente tattico. Un seguace del bel gioco, lo dimostra anno dopo anno nonostante i suoi pochi numeri. Allenatore, ha permesso a molti dei suoi giocatori di rivelarsi nell’élite. I veri progressi possono essere visti nei diversi gruppi che abilita ad allenare.

Menzionato nel tweet sopra, Roberto de Zerbi È un allenatore che sa parlare di lui. Alla fine del decennio di questa estate, il tecnico italiano promuove il Sassuolo, squadra non ancora nota al grande pubblico. Oltre a lui, i suoi giocatori prosperano, si divertono e progrediscono, come ha recentemente sottolineato Maxime Lopez. Un gioco divertente che entusiasma i fan del club. Con più costanza il Sassuolo avrebbe potuto strappare un posto europeo. Vera occasione per provare l’Olympique Lyonnais. Priorità di Juninho ma meno apprezzata da Jean-Michel Olas, vederlo atterrare al Lione sarebbe una vera sorpresa adesso. Il suo nome è anche menzionato sul lato di Shakhtar Dunstek.

READ  Argentina e Messi riformulano Mbappé dopo la vittoria dell'Italia

Libero da ogni contratto dalla sua partenza dal Bayer Leverkusen, Peter Boss Potrebbe essere un pioniere per OL. Corteggiato dal Nizza, il tecnico ha fatto un buon lavoro in Germania prima del guasto. Peter Boss è abituato alla Bundesliga tedesca e al campionato olandese, è un allenatore molto offensivo e persino offensivo. La filosofia del gioco che potrebbe essere una componente essenziale dei leader della runa. Buon allenatore, l’olandese in particolare ha rivelato a tutti Kai Havertz.

Proprio come Peter Boss o Julian Stefan, Lucien Favre Ha qualche riga in più nella sua biografia. Ex allenatore del Nizza o del Borussia Dortmund, le sue qualità di allenatore sono ben consolidate. Essendo già riuscito in Ligue 1, la sua storia potrebbe fare la differenza. Combina il bel gioco e l’aspetto dell’allenamento. Ci sono due qualità richieste per far parte di un elenco di ottimi allenatori. Tuttavia, il suo nome è menzionato dal Regno dell’Arabia Saudita e la sua capacità di guidare un gruppo a lungo termine è ancora in fase di valutazione.

Nella direzione in cui si sono insediati Silvino o Rudi Garcia, Marcelo Gallardo Principalmente chiamato in OL. A quel tempo, il tecnico voleva che il River Plate continuasse e terminasse la sua avventura in Argentina, dove aveva vinto tutto. Alla fine del decennio nel dicembre 2021, sembrava che fosse giunto il momento. L’argentino ha sempre detto di volersi allenare in Europa e Juninho potrebbe fare la differenza in questo caso. Solo un piccolo problema, vuole restare con la sua società fino alla fine della stagione fino all’inverno. Una scadenza complicata per l’amministrazione di Lione.

Sostantivo Christophe Galtier Menzionato in tutti i tipi di salse nelle ultime settimane. Lo ha annunciato a Marsiglia, Lione e poi Nizza, l’allenatore del Lille suscita invidia. Alla fine del decennio nel 2022, Galette sembra essere la scelta ideale. Esperto in Ligue 1, il tecnico francese ha dimostrato la sua capacità di adattarsi a seguire i diversi mercati di movimento a Lille. Christophe Gaultier, un grande allenatore, ha rivelato tanti grandi giocatori e sa tirare fuori il meglio dei suoi giocatori. L’allenatore del Lille non è necessariamente un fan del bel gioco, ma sa adattare il suo stile alla sua forza lavoro, ai suoi avversari e alle difficoltà del momento. Queste sono più che semplici risorse interessanti, soprattutto perché la Francia è stata appena incoronata campione LOSC. Tuttavia, il suo nome si sente sempre più vicino a OGC Nice.

Nonostante questo lungo elenco, i tifosi del Lione non sono immuni da un’altra sorpresa. Juninho è abituato a questo fatto e può tirare fuori un nuovo sconosciuto dal suo cappello. Una cosa è certa, le prossime settimane saranno frenetiche a Lione.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.