Rilevato un insolito buco nero | Scienza | Notizie | il Sole

È una porta che si apre su un nuovo paesaggio cosmico. Un mondo completamente nuovo! “Stavros Katsanivas, in una conferenza stampa, ha accolto il direttore di Virgo, uno dei due rilevatori di onde gravitazionali che avevano catturato i segnali di questo nuovo buco nero.

Questa è la prima prova diretta di buchi neri di massa media (tra 100 e 100.000 volte più grandi del Sole), che potrebbe spiegare uno dei misteri della cosmologia: la formazione di buchi neri supermassicci. Questi mostri cosmici si nascondono al centro di alcune galassie, inclusa la Via Lattea.

Il misterioso oggetto, descritto in Physical Review Letters e Astrophysical Journal Letters da un team internazionale di oltre 1.500 scienziati, si chiama “GW190521”. Molto probabilmente dalla fusione di due buchi neri, il Sole è 142 volte la massa del Sole e forma il più grande buco nero mai rilevato dalle onde gravitazionali (la massa massiccia, miliardi di volte più grande, è stata rilevata altrimenti).

Predette da Albert Einstein nel 1915 nella sua teoria della relatività generale e osservate direttamente dopo un secolo, le onde gravitazionali sono piccole distorsioni nello spaziotempo, simili alle increspature dell’acqua sulla superficie di una piscina. Sono nati sotto l’influenza di violenti fenomeni cosmici, come la collisione di due buchi neri, che hanno rilasciato un’enorme quantità di energia.

L’onda gravitazionale GW190521 ha impiegato 7 miliardi di anni per raggiungerci: è il buco nero più distante, e quindi il più antico mai scoperto.

Un buco nero primitivo?

Il segnale è stato registrato il 21 maggio 2019 dalle macchine americane Ligo ed European Virgo, che hanno firmato la loro “più grande cattura al loro tavolo da pesca” dalle loro prime scoperte nel 2015 e nel 2017, e dettagli CNRS, che molti ricercatori hanno contribuito agli studi .

READ  I Neanderthal comunicano nello stesso modo in cui lo facciamo noi

Questo segnale era molto breve (un decimo di secondo) e la sua frequenza molto bassa (più nel passato, più basse erano le frequenze): “una sfida alla sua analisi”, ha sottolineato Nelson Christensen, per la cooperazione di Ligo.

Finora, solo prove indirette, attraverso osservazioni elettromagnetiche, indicano l’esistenza di questo ammasso di buchi neri intermedi.

Più pesanti dei buchi neri delle stelle che collassano, ma molto più leggeri dei mostri supermassicci, potrebbero essere “una chiave per uno dei misteri dell’astrofisica e della cosmologia: l’origine dei buchi neri supermassicci”, secondo il CNRS. Una delle ipotesi che spiegano la nascita di quest’ultimo sarebbe, nello specifico, la frequente fusione di buchi neri di massa intermedia.

Un altro fenomeno interessante: da dove provengono i due buchi neri che si sono fusi? Secondo le teorie attuali, il collasso di una stella non potrebbe portare a buchi neri da 60 a 120 volte la massa del sole, che è esattamente la dimensione dei due oggetti che si sono fusi. Potrebbe esserci un buco nero primordiale che si è formato durante il Big Bang, 13,8 miliardi di anni fa? O sono essi stessi il risultato di una fusione?

La scoperta di GW190521 solleva nuove domande. L’astrofisico Karan Jani, di Ligo, ha commentato che “c’è una grande parte dell’universo che è rimasta invisibile per noi”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *