Relazioni USA-Cina Washington sta giocando un “gioco pericoloso”?

Relazioni USA-Cina  Washington sta giocando un “gioco pericoloso”?

Mentre gli Stati Uniti mantengono un dialogo diplomatico ad alto livello con la Cina, stanno rafforzando le loro alleanze di sicurezza per scoraggiare gli obiettivi espansionistici regionali della superpotenza asiatica.


Questo approccio fa arrabbiare Pechino, che avverte Washington della necessità di rispettare i suoi “diritti legittimi” in materia di sviluppo.

Di questo tema si è discusso in particolare venerdì durante un incontro ad alto livello tra il presidente cinese Xi Jinping e il segretario di Stato americano Antony Blinken, che ha criticato l'azione energica del suo Paese nel Mar Cinese Meridionale.

“Hai indicato chiaramente […] I nostri impegni per la difesa delle Filippine rimangono fermi, ha avvertito il diplomatico, facendo eco alle recenti scaramucce avvenute vicino ad un relitto occupato da soldati filippini nell'arcipelago delle Spratly.

Il governo cinese aspira a controllare il traffico marittimo nel Mar Cinese Meridionale e ha sviluppato infrastrutture militari strategiche su diverse isole mantenendo la pressione sui paesi che hanno rivendicazioni territoriali in conflitto con le sue.

Le alleanze abbondano

Khris Templeman, specialista in Asia dell'Università di Stanford, sottolinea che molti paesi della regione sono preoccupati per i piani di Pechino e hanno scelto di rafforzare le loro relazioni con gli Stati Uniti per proteggersi da qualsiasi futura aggressione.

La loro situazione rispecchia quella di Taiwan, che fa affidamento sulla protezione americana per affrontare un potenziale tentativo di invasione cinese.

Le Filippine, che sotto l’ex presidente Rodrigo Duterte si erano avvicinate a Pechino, hanno cambiato radicalmente rotta con l’ascesa al potere di Ferdinand Marcos Jr.

READ  Trump fa causa al procuratore generale di New York per ostacolare le indagini

Quest'ultimo si è recato nella capitale americana qualche settimana fa per annunciare, in pompa magna, il lancio di un partenariato tripartito sulla sicurezza con gli Stati Uniti e il Giappone, alleato di lunga data dell'America.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha sottolineato in questa occasione che la Cina rappresenta “la sfida strategica più importante” per il suo Paese e per la comunità internazionale nel suo insieme.

Lo scorso agosto, gli Stati Uniti hanno annunciato un altro accordo tripartito con Corea del Sud e Giappone, da tempo in disaccordo per le violazioni avvenute durante la Seconda Guerra Mondiale.

Questi riavvicinamenti si aggiungono all’alleanza strategica conclusa alcuni anni fa con l’Australia e il Regno Unito, che dovrebbe portare in particolare allo spiegamento di sottomarini nucleari statunitensi a Perth.

spada a doppio taglio

In una lettera aperta pubblicata questa settimana in Il New York TimesDue esperti asiatici hanno sottolineato che gli sforzi di Washington per sviluppare le sue alleanze nella regione dell'Asia-Pacifico e la sua capacità di intervenire contro Pechino rappresentano un “gioco pericoloso”.

È possibile, come avvertono Mike Mochizuki e Michael Swain, che la Cina risponda raddoppiando gli sforzi per sviluppare le proprie capacità militari e decidendo addirittura di intensificare l’uso della forza per rafforzare le proprie rivendicazioni territoriali.

I ricercatori, preoccupati che un “incidente militare” o un “incidente politico” possa portare a una guerra regionale, affermano che la regione potrebbe diventare “più divisa e pericolosa di quanto non sia oggi” sullo sfondo di una corsa agli armamenti.

Affermano che intensificare gli sforzi diplomatici con Pechino è il modo per evitare uno scenario del genere.

READ  Il film nazionale cinese batte i record di entrate

Resistere a Pechino

Chris Templeman sottolinea che è improbabile che il conflitto tra grandi potenze nasca per caso.

Secondo lui gli Stati Uniti possono solo rafforzare la propria posizione militare nella regione politica asiatica per influenzare il comportamento di Pechino.

June Dreyer, specialista in Asia dell'Università di Miami, è d'accordo.

L'analista sottolinea che “è molto positivo avere più dialogo, ma non cambierà le idee”, considerando che è necessario che l'amministrazione americana dia prova di fermezza nei confronti di Pechino.

L'esperienza degli ultimi quarant'anni ha dimostrato senza dubbio, a suo avviso, che il regime comunista considera qualsiasi concessione come un “segno di debolezza” e un invito ad andare avanti.

“Quando viene fatta una concessione, se la mettono in tasca e mettono sul tavolo altre richieste. Non c’è reciprocità”, avverte M.IO Dreyer.

L’idea che gli sforzi americani nella regione per incoraggiare Pechino a dar prova di moderazione avranno l’effetto opposto è infondata. Se non si interviene, il regime cinese continuerà semplicemente le sue azioni aggressive.


Leggi la lettera aperta pubblicata in Il New York Times (In inglese; abbonamento richiesto)

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *