Quattro persone sono morte travolte dall'acqua del mare in Spagna

Quattro persone sono morte travolte dall'acqua del mare in Spagna

Giovedì quattro persone sono morte e sono state travolte dalle acque del mare sulle coste nordoccidentali e nordorientali della Spagna, a causa dei forti venti e delle onde alte diversi metri.

• Leggi anche: Scomparsa in Spagna: il suo ex marito si rifiuta di fare il test della macchina della verità

• Leggi anche: Spagna: sei morti, tra cui due guardie civili, a un posto di blocco investito da un camion

In un comunicato diffuso dal servizio di emergenza delle Asturie, regione situata nel nord-ovest del paese, dove le onde hanno raggiunto i sette metri di altezza, secondo l'Agenzia meteorologica spagnola, si legge: “Due persone sono morte cadendo in mare a Moros del Nalón e Cudiero.”

I vigili del fuoco hanno sollevato su un elicottero il “corpo senza vita di un uomo” caduto da una diga a Moros del Nalon. Sono stati avvisati nel primo pomeriggio che “qualcuno era appena caduto in mare”.

Intanto sono stati chiamati i servizi di emergenza perché una donna è caduta nel porto di Cudiero e il suo corpo “ha colpito gli scogli”.

“È stata salvata da una barca che l’ha riportata al porto, mentre la donna era priva di sensi”. I soccorritori hanno tentato per un'ora di rianimarla, ma è morta.

Poco dopo mezzogiorno, un minorenne marocchino di 16 anni è caduto in acqua sulla spiaggia di Tarragona, sulla costa catalana (nord-est), secondo quanto riferito dalla Guardia Civil.

Un tedesco di 32 anni che passava di lì si è gettato in acqua per cercare di aiutarlo, seguito dalla Guardia Civil, ma entrambi sono annegati.

Giovedì l'Agenzia meteorologica spagnola ha emesso un'allerta arancione per le coste nordoccidentali per avvisare della pericolosità del mare.

READ  L'idea di un'aliquota fiscale minima sulle società a livello globale sta guadagnando terreno

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *