Processo civile di Trump: restrizioni alla parola reimposte dopo il diluvio di insulti online

Processo civile di Trump: restrizioni alla parola reimposte dopo il diluvio di insulti online

Giovedì una corte d’appello ha reimpostato le restrizioni alla libertà di parola volte a proteggere la squadra del giudice nel processo civile di Donald Trump per frode finanziaria a New York, dopo che la corte ha segnalato un diluvio di insulti online.

• Leggi anche: Assalto al Campidoglio: nuove foto alimentano cospirazioni negli Stati Uniti

• Leggi anche: Appello alla Corte Suprema del Colorado sull’eleggibilità di Trump

• Leggi anche: La libertà di parola fa appello alle regole della corte d’appello nel processo elettorale di Trump del 2020

L’ex presidente degli Stati Uniti è accusato, insieme a due dei suoi figli, Donald Jr. ed Eric Trump, di aver gonfiato di miliardi di dollari il valore del patrimonio immobiliare della Trump Organization nel primo decennio del XXI secolo per ottenere prestiti migliori dalle banche. Il campo di Trump nega qualsiasi frode.

Dal secondo giorno di questo processo ad alto rischio contro l’impero immobiliare di Donald Trump, il 3 ottobre, il giudice Arthur Engoron ha vietato alle parti qualsiasi commento pubblico rivolto alla sua squadra, a seguito di un post “insulto” del suo capo redattore sull’account dell’ex Presidente degli Stati Uniti sul suo social network Verity.

Da allora il giudice ha inflitto due multe per un totale di 15.000 dollari al miliardario repubblicano per aver violato questo divieto, valutando che gli attacchi di Donald Trump potrebbero incoraggiare i suoi sostenitori ad attaccare il suo impiegato o altri membri della sua squadra.

Dall’inizio del processo, il repubblicano favorito nei sondaggi d’opinione per le elezioni presidenziali del 2024 ha partecipato a diverse udienze, si è difeso testimoniando il 6 novembre e dovrebbe testimoniare nuovamente l’11 dicembre. Ha attaccato ferocemente il giudice, che ha descritto come un “delinquente”, o il procuratore generale dello Stato di New York, Letitia James, come “corrotto” e “razzista”, come ha detto.

READ  The identity of a 4,200-year-old queen is among the fascinating new discoveries in Egypt

Ma la Corte d’appello ha sospeso queste restrizioni il 16 novembre, mentre esaminava il ricorso presentato dall’avvocato dell’ex presidente.

Secondo la decisione emessa giovedì, il governo ha infine respinto il ricorso e ha reintrodotto le restrizioni alla libertà di espressione.

Considerando la richiesta, un impiegato del tribunale ha affermato in un documento scritto che “il giudice e il suo team sono sottoposti quotidianamente a centinaia di telefonate, lettere ed e-mail minacciose e intimidatorie”, alcune delle quali antisemite.

Ha anche detto che le informazioni personali della dipendente, compreso il suo numero di cellulare, erano state rivelate e che riceveva tra le 20 e le 30 chiamate al giorno sulla sua linea personale.

La libertà di parola di Donald Trump è anche una questione dibattuta nel processo federale previsto per il 4 marzo 2024 a Washington, dove è accusato di aver condotto manovre illegali per invertire i risultati delle elezioni del 2020.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *