Preso sette giorni nella neve grazie al Global Positioning System (GPS)

Un guidatore di 29 anni è rimasto bloccato nella neve per sette giorni in una catena montuosa della California dopo aver seguito le indicazioni di un sistema di posizionamento globale (GPS) che lo ha portato su una strada non collegata.

L’Harland Earls era in viaggio per una festa di compleanno il 24 gennaio quando l’autostrada che stava progettando di percorrere è stata chiusa a causa di una tempesta di neve, secondo i rapporti della CNN.

Quindi ha cercato un sostituto usando il suo GPS.

L’uomo ha scelto il percorso più breve, ignorando che il dispositivo non ha tenuto conto del fatto che la strada, che si trovava nella catena montuosa della Sierra Nevada, non era sgombra dalla neve.

Il suo camioncino è rimasto bloccato nella neve pesante in un luogo senza una rete cellulare.

Dopo aver scoperto che era bloccato e che sarebbe stato difficile per lui cercare aiuto, gli Harland Earl passarono alla modalità sopravvivenza.

Usando la sega che teneva nel bagagliaio del suo camion, è stato in grado di tagliare la legna e accendere un fuoco.

Aveva anche un fornello da campeggio che gli permetteva di sciogliere la neve per bere l’acqua.

Quando la neve smise di cadere, si legò due snowboard ai piedi e li usò come scarponi da neve.

Ha cercato un posto in cui il suo telefono avrebbe captato la rete cellulare ed è stato in grado di chiamare aiuto.

READ  SUV californiano con 25 passeggeri coinvolti nell'incidente, 13 morti

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *