‘Pinocchio di Guillermo del Toro’ ci ha regalato la canzone dell’anno con ‘Ciao Papa’

‘Pinocchio di Guillermo del Toro’ ci ha regalato la canzone dell’anno con ‘Ciao Papa’

Sono io o qualcuno sta tagliando le cipolle?

“Ciao Dad, mio ​​​​Dad. Time to say arrivederci. “Nel Pinocchio di Guillermo del Toro, l’omonimo ragazzo di legno disegna drammaticamente le battute di apertura di questo straziante timpano, che potrebbe minacciare il mio Spotify Wrapped 2023 se non sto attento. .

Guillermo del Toro offre pura magia nella sua interpretazione di Pinocchio. Il regista visionario contesta fortemente che l’animazione sia un mezzo cinematografico e non solo un genere per bambini(Si apre in una nuova scheda) Con la sua interpretazione unica del classico racconto per bambini, offre immagini divertenti, ottima musica e oscure metafore sulla perdita e il dolore.

Pinocchio presenta una storia di sfruttamento nella turbolenta prima guerra mondiale che si è infiltrato nel regime fascista nell’Italia degli anni ’30, aggiungendo umorismo perfettamente sincronizzato e una colonna sonora sbalorditiva, è stato ora nominato per un Golden Globe per la migliore colonna sonora originale. In particolare, la canzone “Ciao Papa”.

La canzone malinconica è abbinata a un Pinocchio raffigurato allegramente, che salta sul palco per la scena mentre un montaggio mostra bambini disperati che lasciano le loro case per combattere nell’esercito di Mussolini. (Divertiti a spiegarlo ai tuoi figli!) Con un sacco di emozione trasmessa, questo numero prende la torta, offuscando i confini tra il cupo tono narrativo e la spensierata innocenza del suo protagonista.

La fiaba a più livelli attira lo sguardo ad ogni angolo, con angeli biblici da cui difficilmente si riesce a staccare gli occhi e una grande avventura acquatica che coinvolge naufragi, pescatori pazzi e l’insaziabile deglutizione di un pipistrello della frutta. Equipaggio (stile Grecia e Pesci!). Con i suoi motivi religiosi, i fascisti violenti e lo strano ragazzo di legno allampanato portato in vita, è facile essere sopraffatti dai temi sbalorditivi. Tuttavia, devo includere che la più grande gemma di Pinocchio per gli spettatori è in realtà una canzone che dura meno di 3 minuti e farà piangere l’intera stanza.

READ  "Avvia Grillish, Foden, Madison, Sterling e Kane; rendiamo l'Inghilterra entusiasmante per la revisione"

Giovane, poetico e oscuro, “Ciao Papa” di Alexandre Desplat cattura la vera essenza della purezza infantile in un mondo pieno di morte, malattia e tutte le vecchie donne infelici che alla fine ti prosciugano della tua giovinezza e sono condannate a ripetere il ciclo tossico .

Verso la fine del film, Pinocchio scompare dalla sua casa per salvare suo padre, Geppetto, dal suo comportamento imprevedibile e disobbediente. L’esuberante persona in lutto ha spiegato che Pinocchio non assomigliava per niente al suo vero figlio Carlo, che in precedenza era stato perso in un raid aereo non intenzionale. Così, il ragazzo di legno intraprende il proprio viaggio alla scoperta di sé e alla compassione. Sfortunatamente, è un viaggio guidato dall’avido profittatore Conte Volpi, un aristocratico e burattinaio italiano che inganna Pinocchio, progettando di usarlo come trampolino di lancio verso fama e fortuna.

Pinocchio crede che il suo tour di canti e balli attraverso l’Italia porterà soldi a suo padre. Ma il truffatore Volpe intasca tutte le monete che ha ottenuto e rifiuta la richiesta di Pinocchio di liberarlo e rimandarlo a vivere con il suo vecchio. L’ingenuità del ragazzo del pino crea la cornice perfetta per un numero come “Ciao Papa”.

Il ragazzo con lo stesso nome che suo padre falegname desiderava per la vita inciampa e si fa strada a tentoni attraverso una vita che non avrebbe mai dovuto conoscere. La sua esistenza è quasi un crimine contro l’umanità, naso che spunta e tutto il resto. Gettato in attesa di vestire i panni di un figlio perduto troppo presto e senza altra guida che il grillo parlante Sebastian, Pinocchio riceve poca preparazione o sostegno nel suo viaggio di riflessione. Non ribelle o malizioso. È una bambola di legno parlante gettata in una società che lo sfrutta piuttosto che abbracciarlo per i suoi errori infantili. Lo spettacolo teatrale accumulato “Ciao Papa” fonde la sua frustrazione in un impeto di riverente emozione, rivelando una vulnerabilità che è troppo difficile da presentare solo alle orecchie degli adolescenti.

READ  Semifinale Eurovision 2023 su Rai 2 canale sviluppo rete

“Ciao Papa” umanizza i pensieri invadenti che derivano dal sentirsi un emarginato sociale, desideroso di sfuggire agli occhi dei nostri anziani, amici e persino dei nostri genitori. Sebbene questa sindrome dell’impostore possa assumere molte forme e significati diversi a seconda dell’individuo, è qualcosa di cui bambini e adulti sono consapevoli, il che rende questo numero musicale riconoscibile in più di un modo. l’indirizzo. Certo, non tutti hanno la capacità di raccogliere e correre per le colline per incontrare la Bella Piangente o le numerose vette da scalare. Ma incarnare questa preoccupazione nella canzone apre le porte a un’indagine critica sulla guarigione delle ferite.

Non ricordo l’ultima volta che ho pianto come un boscaiolo/bambola/ragazzo pino che cantava il suo desiderio d’amore prima di essere mandato a combattere in una pericolosa guerra. Il numero musicale riassume i temi del film tanto quanto ispira soggezione per gli spettatori di tutte le età nell’ascoltare inconsciamente la melodia e il lirismo.

Se hai mai avuto bisogno di un esempio per dimostrare perché l’animazione dovrebbe essere un mezzo apprezzato da tutte le fasce d’età, Guillermo del Toro Pinocchio mostra che con sufficiente considerazione, un occhio particolarmente ossessivamente creativo e una buona colonna sonora, la possibilità è più che realizzabile .

Al diavolo la politica dell’intrattenimento e del rispetto. Pinocchio è per tutti!

Pinocchio di Guillermo del Toro è ora in streaming su Netflix.(Si apre in una nuova scheda)

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *