Perché le riunioni “Zoom” ci stancano così tanto?

Scritto da Matilde Rajot

Se il burnout visivo è correlato a Il tempo sullo schermo è aumentato con la reclusione In Libra, la videoconferenza sarà anche responsabile di un significativo burnout psicologico e fisico. Spieghiamo perché.

Dall’inizio della crisi sanitaria e delle varie serie di coprifuoco / reclusione, se c’è una cosa che è diventata democratica, è Video conferenza. Per alcuni è diventato imperativo mantenere legami sociali e professionali con i nostri cari in modo da poter continuare le nostre attività fuori dagli uffici.

Tecnologia che sicuramente offre, ma ha anche Sulla salute dei suoi utenti : Sofferenza sempre di più Zoom faticaUna sensazione di esaurimento mentale davanti a incontri virtuali che si susseguono, come ben descritti Un articolo di Conversazione Pubblicato nel 2020. Già questi discorsi Richiede più energiaSviluppo del dottore in scienze cognitive Nawal Abboub per me Franceinfo.

L’importanza del linguaggio non verbale

Gesti, posture, manifestazioni fisiologiche … tutti indizi in una discussione che ti permettono di comprendere meglio le parole del tuo interlocutore. Questo è chiamato Linguaggio non verbale. Ora secondo Base 3VCome risultato del lavoro del professor Albert Mehrabian pubblicato nel 1967, il 7% della comunicazione pubblica è correlata al significato delle parole usate, il 38% dal tono di voce e il 55% dalle espressioni facciali.

Chiariscono se questi numeri sono corretti o meno Quanto è buono il linguaggio del corpo Un intero importante in uno scambio. Tuttavia, durante la videoconferenza, i gesti della persona corrispondente sono difficili da discernere. Il cervello dovrebbe quindi concentrarsi sugli altri segnali sopra menzionati … ma sono anche misti, perché sono sempre presenti. Fornito con un leggero ritardo, chiama “Asincrono” par Nawal Abboub:

Questo è un offset che può essere calcolato in millisecondi. Ma ha detto a France Info che questo era sufficiente per richiedere al cervello uno sforzo in più per ricostruire la realtà.

Ridurre i segnali e la loro scarsa qualità è imperativo[nt] Essere più attenti a seguire e preparare[nt] In tempi di confusione, conferma al giornale la neurologa Marie Lacroix.

Molte informazioni e non informazioni

Così la fluidità e il ritmo del dibattito sono turbolenti, soprattutto da allora Parole Difficile da riconoscere. calendario? Tutti si interrompono. Scambio di sguardiNecessario per attenzione, memorizzazione e comunicazione, anche complesse. Mentre “ingrandisci”, Ogni partecipante fissa il proprio schermo per guardare gli altri. Se vuole rivolgersi a lei negli occhi, dovrà parlare direttamente alla telecamera e così via Mancano le reazioni dell’interlocutore.

READ  La scienza rivela il contenuto delle lettere di Maria Antonietta e del suo amante

Aggiungete a tutto questo il fatto che nel lavoro a distanza, l’ambiente personale e quello professionale diventano un tutt’uno, quindi siete in quel momento Paura che un componente esterno venga disturbato La tua conversazione di lavoro. Il cervello è costantemente in allerta. questo è Il National Geographic Designato come ‘L’attenzione parziale continua’… è come leggere un libro mentre si cucina. Il vero puzzle richiede Troppa concentrazione E soprattutto stressante.

Stai facendo un doppio dovere per la tua mente: ti concentri sulla persona con cui stai parlando e su te stesso. […] Nawal Aboub spiega che ci sono molte distrazioni e questo rende la messa a fuoco più difficile.

Suggerimenti per trattare questa stanchezza quotidiana

  • Fai delle pause Lontano dagli schermi ;
  • Stabilire tempi di riunione più brevi;
  • Evita incontri con molte persone attive;
  • Rimuovere la fotocamera non appena la parte anteriore è finita, per concentrarsi sui suoni;
  • Affidatevi di più alla voce e i gesti facciali sono amplificati;
  • Usa tecniche alternative, invia (quando possibile) messaggi, lavora su documenti condivisi, ecc.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *