Per la prima volta sono stati osservati bracci a spirale attorno a una stella gigante in formazione

Per la prima volta sono stati osservati bracci a spirale attorno a una stella gigante in formazione

Nel 2019, gli astronomi hanno scoperto una protostella grazie alle emissioni di microonde dal suo disco di accrescimento. Quattro anni dopo, la stessa squadra è stata in grado di identificare gli schemi di questo disco: su di esso si sono formati dei bracci a spirale!

Quattro anni fa, sono state rilevate strane emissioni maser da una protostella distante 22.000 anni luce. Coerentemente con la radiazione da emissione stimolata come da laser, queste onde cadono nella gamma delle microonde e testimoniano certi eventi astrofisici. Questa volta, l’origine è stata individuata grazie alla corrispondente lunghezza d’onda di emissione maser della molecola di etanolo, che caratterizza le regioni di formazione stellare.

Queste emissioni sono rare, perché le nubi molecolari che circondano le stelle nascenti assorbono la maggior parte dei raggi luminosi, impedendo l’osservazione del processo. Così, gli astronomi sono stati in grado di caratterizzare la protostella nel 2020, per poi guardarla di nuovo fino ad oggi, quando nel 2020 è stato lanciato un nuovo studio. astronomia naturale. Un team internazionale di ricercatori ha fatto una scoperta inaspettata, basata su osservazioni effettuate con 25 radiotelescopi in 10 paesi: il disco di accrescimento stellare ha la forma di quattro bracci a spirale!

I bracci a spirale si estendono fino a 900 UA dalla stella

Denominata G358.93-0.03-MM1, la protostella ha già raggiunto le otto masse solari e non ha ancora completato la sua fase di accrescimento materiale. Questo spiega le emissioni di maser, conferma lo studio. Infatti, nel caso di zolle alte, si verificano scatti di accrescimento molto brevi e intensi, detti cumulativi burst. Un processo molto attivo, che può quindi innescare impulsi termici, che eccitano gli organi di scansione.

READ  Creato un "albero genealogico" di 27 milioni di persone

Nel voler mappare queste ondate di calore, i ricercatori hanno individuato una struttura a spirale: quattro bracci che si estendono tra 50 UA e 900 UA (un’unità astronomica equivale alla distanza della Terra e del Sole, ovvero 150 milioni di km). Secondo i ricercatori, sono causati dall’instabilità gravitazionale, che a sua volta è stata causata dall’elevata massa della protostella. Può causare la frammentazione del disco dell’accumulatore e la formazione di bracci della vite. “Abbiamo sempre pensato che i bracci a spirale esistessero, ma fino ad ora non c’è mai stato un approccio osservativo in grado di rilevarli”.RA Burns spiega in a elemento a Fisicoprimo autore dello studio.

Sappiamo di più sulla formazione di stelle massicce

Secondo i ricercatori, questi bracci a spirale potrebbero anche spiegare alcuni misteri irrisolti sulla formazione delle stelle massicce: questi bracci a spirale rappresentano meno dell’1% delle stelle, mentre le più comuni sono le nane rosse, con un numero minore di nane, che sono massa solare. Ma senza sapere perché. “C’era una scuola di pensiero secondo cui la formazione di stelle di massa elevata doveva essere molto diversa dalla formazione di stelle di massa inferiore.dice RA Burns. Ma ciò che generalmente scopriamo nel tempo è che non c’è molta differenza. »

“La differenza principale è che le stelle di massa elevata producono molta più radiazione e sono molto più calde, quindi generalmente spingono contro l’accrescimento”.Continua. Infatti, la pressione di radiazione all’interno della stella può superare le forze di accrescimento, e inibire il processo di accrescimento della materia. Ma una protostella con bracci a spirale dimostra così che il fenomeno è ancora possibile!

READ  Il misterioso spazioplano X-37B si prepara per una nuova missione nello spazio, la cui durata solleva interrogativi

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *