Operazione contro le bande ad Haiti | Il primo ministro ammette “errori strategici”

(Port-au-Prince) Il primo ministro haitiano Joseph Guth ha ammesso mercoledì che “errori strategici” sono stati commessi durante un’operazione anti-guerriglia il 12 marzo, in cui sono stati uccisi quattro agenti di polizia.


France Media

“Mi sono reso conto che c’erano errori strategici”, ha detto l’alto funzionario durante una conferenza stampa, dopo aver letto un rapporto iniziale riferito dalla Forza nazionale di polizia haitiana (PNH).

Il 12 marzo il National Freedom Party ha lanciato un’operazione in un quartiere della capitale noto per essere utilizzato dalla banda come luogo di sequestro di persona per ottenere un riscatto.

Quattro poliziotti sono stati uccisi in uno slum chiamato Village de Dieu. I membri della gang hanno anche confiscato attrezzature per le forze dell’ordine.

Il primo ministro ha detto: “Gli ordini che avrebbero dovuto essere emessi non sono stati emessi in modo tempestivo, il che ha spinto la polizia a entrare nell’alcova molto presto”.

“Alors qu’il y avait un blindé à l’intérieur, a autre aurait dû rester à l’extérieur”, a souligné M. Jouthe, indiquant également que “la couverture par drone de la zone aurait dû transmettre au commandement toutes les informations Per terra “.

Mentre da allora la polizia ha recuperato un veicolo blindato, i corpi degli ufficiali morti e mutilati non sono stati trovati.

Il Primo Ministro ha chiesto un’indagine completa per determinare la responsabilità.

“Alcuni non hanno rispettato le istruzioni che sono state date loro e hanno nascosto le informazioni non fornendo tutte le informazioni in modo tempestivo”, ha detto Joseph Goeth, senza ulteriori dettagli.

READ  Washington vuole rafforzare la sua posizione militare contro Cina e Russia

Questa operazione anti-gang, simile a un fiasco, che non ha portato ad alcun arresto o sequestro di armi, ha fatto arrabbiare la polizia e i residenti, gran parte dei quali erano già critici nei confronti dell’autorità istituita.

Mercoledì il primo ministro ha avvertito che “l’uccisione di agenti di polizia non dovrebbe essere usata in nessun caso politico”.

Alcuni agenti di polizia ed ex membri del Partito nazionale per i diritti umani, riuniti in un gruppo ribelle chiamato Phantom 509, hanno organizzato diverse manifestazioni violente nella capitale dalla metà di marzo.

Un agente di polizia mobilitato per prevenire tali abusi è stato ucciso il 22 marzo dai suoi colleghi affiliati al Fantom 509, secondo i primi elementi di un’indagine della locale missione ONU.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *