Non ci sono miglioramenti nei ristoranti tradizionali prima del 2022

Secondo il gruppo NPD, la crisi del Coronavirus ha accelerato l’uso di consegna, guida e ricezione.

Dans sa dernière étude sur la restauration hors du domicile (RHD), menée tous les mois auprès d’un panel de 14.000 Français en 2020, le cabinet NPD Group ne donne guère d’espoir aux restaurants traditionnels de retrouver leur activité d’avant crise A breve termine. La reclusione, il coprifuoco e la ridotta attività turistica hanno notevolmente indebolito il tavolo da pranzo, “Il dipartimento sarà maggiormente colpito dalla perdita del 50% della sua presenza e delle vendite nel 2020”.Esperta di “Food Service” presso NPD Group, osserva Maria Bertoch. Questo, mentre il Dipartimento Cardiovascolare ha visto diminuire il suo fatturato del 38%, a 35,6 miliardi di euro, e la sua presenza del 35% lo scorso anno. Risultati che collocano la Francia nella media europea. In Italia e Spagna, la RHD è in calo del 42% mentre in Germania è “solo” del 35%.

Ci aspettiamo che il fast food rimanga il circuito dominante poiché i ristoranti tradizionali continuano a lottare quest’anno e forse nel 2022.

Maria Bartuch

Miglior vincitore del 2020, Fast Food – Fast Food, Paninoteche, Panetterie, Scaffali di supermercati specializzati … – per valore e volume.

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora il 76% per scoprirlo.

Abbonamento: 1 € per il primo mese

Può essere cancellato in qualsiasi momento

Già iscritto? registrati

READ  Le cose si scaldano per Juventus, Inter e Milan!

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *