Muore il regista italiano Bernardo Bertolucci

Muore il regista italiano Bernardo Bertolucci

©AFP/Archivio/Tisiana Fabi

È morto a Roma all'età di 77 anni il regista italiano Bernardo Bertolucci, creatore del film “Ultimo tango a Parigi”, hanno riferito lunedì i media italiani.

Bernardo Bertolucci è considerato uno degli ultimi grandi del cinema, ha vinto l'Oscar come miglior regista nel 1988 per il film “L'ultimo imperatore”.

Il prolifico creatore, il cui affresco “Novecento” (1900) è diventato un grande classico nel suo paese, è anche colui attraverso il quale scandalo e polemiche arrivarono con “L'ultimo tango a Parigi”, realizzato nel 1972 a Parigi.

Poi Marlon Brando, una vera leggenda vivente, ha interpretato lì uno dei suoi ultimi ruoli. La scena della sodomia suscitò scandalo e fece vietare il film in Italia. La giovane attrice Maria Schneider, che all'epoca delle riprese aveva 19 anni, ne fu così colpita che il regista in seguito disse che l'attrice non era stata del tutto avvertita prima delle riprese del contenuto di quella scena.

Bernardo Bertolucci è stato anche uno dei rari registi italiani che hanno girato molto all'estero.

Il resto è sotto questo annuncio

Il resto è sotto questo annuncio

A Parigi è stato girato il suo ultimo film “The Dreamers” (2003), ma anche in Cina con “L'ultimo imperatore”, in Africa con “Un Tea au Sahara” o addirittura in Bhutan con “Piccolo Buddha”.

Bernardo Bertolucci è nato il 16 marzo 1941 a Parma, l'elegante città del nord Italia dove si sarebbe tenuta la “Prima della Revoluzione” (Premio della Critica a Cannes 1964), ed è cresciuto in un ambiente ricco e intellettuale.

Ha avuto una scoperta cinematografica quando ha visto il film “La Dolce Vita” di Federico Fellini. Suo padre, poeta, professore di storia e critico cinematografico, gli regalò la sua prima macchina fotografica 16mm quando aveva quindici anni.

READ  Paul Gascoigne dice che sta bevendo di nuovo prima di un reality show italiano

Dopo lo scandalo, così come il successo di “Ultimo tango a Parigi”, Bertolucci aveva mezzi sufficienti per dipingere il suo grande affresco storico, “Novecento”, una delle sue opere più importanti che abbraccia quasi un secolo di lotta di classe nella ricca pianura padana attraverso Paese. Il destino di due amici d'infanzia. Il film gode del sostegno di una prestigiosa élite internazionale (Robert De Niro, Gérard Depardieu, Burt Lancaster, Dominique Sanda).

Il resto è sotto questo annuncio

La dedizione dei suoi colleghi è arrivata con il film “L'ultimo imperatore”, girato nel 1987, per il quale ha vinto nove Oscar.

“È stato l'ultimo imperatore del cinema italiano, il maestro di tutti gli affreschi e di tutte le avventure. La festa è finita: per ballare il tango bisogna essere in due”, ha detto lunedì Gilles Jabob, ex presidente del Festival di Cannes. Ha conferito a Bertolucci la palma d'onore nel 2011.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *