Moda, cinema e storia: gli ingredienti del Palazzo della Civiltà Italiana

Cosa vede per primo uno straniero all’arrivo a Roma? All’uscita dell’aeroporto internazionale di Fiumicino, l’autostrada corre per chilometri, fiancheggiata da alberi di pino. La Fontana di Trevi e il Colosseo sono ancora molto lontani. Dobbiamo ancora aspettare, ce li meritiamo. Quando all’improvviso, è in piedi di fronte a noi. Orgoglioso e monumentale, si impone per la sua costruzione, nonostante i suoi 82 anni. È il Palazzo della Civiltà Italiana, un parallelepipedo alto 60 metri con sei piani. Un monumento in cemento armato e pietra calcarea, realizzato nel 1938, in previsione dell’Esposizione Universale di Roma del 1942, da tre architetti (Giovanni Guerini, Ernesto Labadola, Mario Romano). Alla fine, l’evento tanto atteso non accadrà mai, si impegna nella seconda guerra mondiale. Nonostante ciò, il Palazzo della Civiltà Italiana, il cui progetto è durato due anni, è decollato. È stato segnato dalla storia contemporanea d’Italia.

Leggi> Alvar Aalto, il designer che ha ispirato IKEA e la cantante Yelle

Dietro questo progetto faraonico si cela l’ombra di Benito Mussolini. Il Duce ha grandi ambizioni per la Roma e vuole competere con le grandi capitali internazionali. Nel gennaio 1936 pose la prima pietra di quelli che sarebbero poi diventati i mitici Cinecittà Studios, soprannominati “Hollywood sul Tevere”. Con il Palazzo della Civiltà Italiana, Mussolini avrebbe continuato in modo simile. Stesso cantiere lontano dalla città, stessa voglia di propaganda. Ma più che un semplice monumento, il dittatore voleva creare un quartiere romano completamente nuovo. E Palazzo è il suo centro. È quanto ha mostrato Giovanni Vanelli nel suo libro “Rome, a Portrait of a City” (Éditions Taschen, 2018): “Tra il 1937 e il 1941 abbiamo lavorato instancabilmente per sviluppare il nuovo quartiere a sud del centro storico, che è stato deciso di essere istituito dal regime fascista all’indomani della guerra. Etiope alla luce dell’Esposizione Universale (E42, oggi EUR). Le strutture monumentali e gli edifici che costeggiano la “strada imperiale” che Piacentini segue (da Piazza Venezia verso la costa) comprendono un lago a tre bacini, Palazzo della Civiltà Italiana – colloquialmente conosciuta come “Piazza Colosseo” -, La piazza imperiale, il palazzo dei ricevimenti e dei convegni, una grande piazza con esedra che rivaleggia con i mercati modello di Traiano o Procurati a Venezia, e molti musei .

READ  Jennifer Lopez shuts down Instagram due to Botox comments

nuova era

C’è qualcosa di allegorico nella costruzione del Palazzo della Civiltà Italiana per Mussolini. Quest’ultimo vuole tracciare una linea sulla catastrofe della prima guerra mondiale. Negli anni ’30, era tempo di rinnovare. Ducci pensa in grande. “Palazzo Hotel è impressionante per le sue proporzioni. Tutto è ingrandito e mostra l’idea di un superuomo. In generale, con l’architettura di Mussolini, vogliamo dimostrare che gli italiani sono uomini nuovi, orgogliosi e conquistatori. L’architetto e ingegnere ricercatore Romeo Carabelli sottolinea i difetti “.

Cancellare il passato è dunque la parola d’ordine quando si costruisce il Palazzo e l’area EUR. Il monumento è un eccellente esempio di architettura moderna. Va detto che l’edificio, chiamato anche “Piazza del Colosseo”, contrasta con i tanti monumenti antichi della capitale italiana. Un patrimonio e un patrimonio storico che sarà restaurato dal palazzo durante la sua riconversione, come spiega l’Accademico Claudio Pericino: “È un edificio che racconta una storia di contrapposizione, illustrata dall’utilizzo di due materiali. Da un lato, il cemento armato per designare la Roma moderna voluta da Mussolini. D’altra parte, il calcare, ci ricorda l’antica Roma “.

Rinascimento attraverso la moda

Per molto tempo Palazzo sarebbe stato un edificio fantasma. Dopo aver contenuto gli uffici per un po ‘, sarebbe rimasto vacante per diversi decenni a partire dagli anni ’70. Era un monumento che si guardava da lontano, a simboleggiare un’epoca passata. È chiuso da anni, il che non è il caso di altri edifici nell’area EUR. Ma nonostante tutto, ha continuato a infondere cultura popolare apparendo in sottofondo in video musicali e film “, osserva Claudio Pericino. I registi dell’epoca d’oro del cinema italiano posizioneranno le loro telecamere vicino all’imponente edificio. Federico Fellini, ovviamente, con “8 E mezzo” (1963) ma soprattutto Michelangelo Anthony che ha realizzato un film quasi documentario sull’eurozona con “L’Éclipse” (1962), film contemplativo e vagabondo in cui la piccola Vittoria interpreta Monica Vetti. “Rome mise en” scène “(Editions Spaces & Signes), Edouard Dor rievoca la dimensione pittorica della regione proposta da Anthony in questo film:“ Questi scatti evocano i paesaggi metafisici di Giorgio de Chirico: grandi piazze sotto il cielo di proiettili inscritti in prospettive concrete e da cui tutte le tracce di umanità sono scomparse – sembra che solo i motivi marmorei fossero per sempre congelati nel pensiero. “

READ  Nutella ti porta un viaggio in Italia con un'edizione limitata di barattoli

Il 2015 è un anno fondamentale nella storia del Palazzo della Civiltà Italiana. Fendi, il marchio italiano di prêt-à-porter di lusso, ha deciso di stabilirvi gli uffici, la sede centrale e i laboratori di pellicceria. L’edificio è ora collegato al mondo della moda. E la sua educazione durante l’era Mussolini? Per Claudio Perricino, non possiamo riassumere per sempre il memoriale di quei tempi bui nell’Italia del XX secolo: “Oggi le persone possono mettere le cose in ordine. Ad esempio, quando si pensa a Hugo Boss, non si pensa subito al nazismo. lo stesso vale per l’immagine del marchio Fendi Affascinante e intriso di storia, Palazzo della Civiltà Italiana non ha mai finito di svelare tutti i suoi segreti.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *