Mar Cinese: le Filippine condannano la “preoccupante” presenza di 135 navi cinesi

Mar Cinese: le Filippine condannano la “preoccupante” presenza di 135 navi cinesi

Domenica le Filippine hanno dichiarato che uno “sciame” di oltre 135 barche cinesi si era diffuso intorno all’area della barriera corallina, considerando questa massiccia presenza “preoccupante”.

Secondo la guardia costiera filippina, le barche cinesi sono sparse intorno al Whitsun Reef, che le Filippine chiamano Julian Felipe Reef, a circa 320 chilometri a ovest dell’isola di Palawan.

Questa barriera corallina a forma di boomerang si trova a più di 1.000 chilometri dalla prima massa continentale visibile della Cina, l’isola di Hainan. Fa parte dell’arcipelago delle Spratly, rivendicato dalla Cina, dalle Filippine e da molti altri paesi che si affacciano sul Mar Cinese Meridionale.

La Guardia costiera filippina, che aveva già individuato 111 navi appartenenti alla cosiddetta “milizia marittima cinese” nella zona il 13 novembre, ne ha contate “più di 135” quando sabato ha schierato due motovedette, hanno aggiunto.

Hanno aggiunto che “non c’è stata risposta alle chiamate radio effettuate dalla guardia costiera filippina” alle navi cinesi.

Le immagini pubblicate dalla Guardia Costiera mostrano le navi allineate in formazione, mentre altre sono sparse in acqua.

L’ambasciata cinese a Manila non ha risposto immediatamente quando è stata contattata dall’AFP.

Un precedente nel 2021

Secondo il governo filippino, nel 2021, circa 210 navi cinesi sono stazionate vicino a Whitsun Reef da diverse settimane.

Pechino ha affermato che queste navi erano pescherecci che si riparavano dalle intemperie, ma Manila ha respinto questa spiegazione, affermando che non si sono verificate tempeste nel periodo in questione.

Pechino rivendica quasi l’intero Mar Cinese Meridionale, comprese le acque e le isole vicino alle coste dei suoi vicini, e ha ignorato una sentenza di un tribunale internazionale del 2016 secondo cui la rivendicazione non aveva base legale.

READ  Justin Trudeau sostiene Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali francesi

La Cina schiera regolarmente navi per pattugliare le acque contese e ha costruito isole artificiali militari per rafforzare la sua posizione.

Anche Filippine, Brunei, Malesia, Taiwan e Vietnam rivendicano numerose barriere coralline e isolotti in questo mare, che si ritiene contengano ricche riserve di petrolio.

Le Filippine hanno annunciato venerdì l’istituzione di una stazione della guardia costiera sull’isola più grande che controllano nel Mar Cinese Meridionale, per migliorare il monitoraggio delle navi cinesi.

Questo centro sarà dotato di “sistemi avanzati”, tra cui radar, comunicazioni satellitari, telecamere costiere e sistemi di gestione del traffico marittimo, ha affermato il consigliere per la sicurezza nazionale Eduardo Ano durante una visita all’isola di Thito.

La costruzione è già stata completata e la stazione dovrebbe essere operativa all’inizio del prossimo anno.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *