Mail End | Louise Penny difende la minacciata chiusura della biblioteca di SW Welch

Il malcontento riecheggia sui social media per una libreria, nel Mile End di Montreal, che rischia di chiudere dopo un aumento dell’affitto richiesto dall’agenzia immobiliare Schiller LaVey fino a Istry dove vive Louise Benny, autrice del romanzo best seller della serie. Armand Jamachi sta indagando sulla questione.


Jessica Bublatt
La stampa canadese

> (Ri) Leggi la colonna di Marc Cassevi “Chi sta ancora comprando libri?”

L’autrice ha dimostrato la sua passione per l’area che fa parte della regione di Plateau-Mont-Royal, dove un tempo viveva, invitando il grande pubblico a incoraggiare il commercio locale.

“Dobbiamo sostenere e difendere le nostre biblioteche. […] Sono una parte vitale di una vivace comunità. Come tutte le piccole aziende indipendenti, ha scritto venerdì sulla sua pagina Facebook.

Domenica, il post ha raccolto quasi 10.000 Mi piace e migliaia di condivisioni.

La persona che prepara un libro che sarà pubblicato questo autunno in collaborazione con l’ex Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha anche sottolineato l’iniziativa organizzata dal Mile End Ensemble per sostenere la SW Welch Library.

Ritratto di Marco Campanuzzi, archivio press

Louise Penny

Ha aggiunto: “Diamo il benvenuto alle persone che portano un libro e lo leggono in fila mentre aspettano il loro turno per acquistare un libro dal negozio (se possono permetterselo), e per incontrarsi per sostenere la storia, la cultura e i piccoli imprenditori di Mile End.

L’evento che si terrà il 13 marzo è stato battezzato: “Chi compra ancora oggi i libri?”

Una risposta diretta a quella data dal proprietario dell’edificio che ritiene obsoleto il modello di business per la biblioteca usata situata in St-Viateur Street.

READ  The Parler website is back online after Amazon shut it down online

Su Instagram, messaggi che condannano quello che molti vedono come un comportamento arrogante o mancanza di simpatia da parte del proprietario, nel mezzo di una crisi sanitaria, hanno rilanciato il dibattito sul miglioramento dei quartieri della città.

Perdita di esclusività

Di fronte all’apparente avidità degli imprenditori, alcuni residenti di Mile End come Ceylan Twirdy, che vive lì dal 2015, temono di perdere ciò che lo rende unico.

Gli dispiace vedere chiudere uno ad uno alcuni dei suoi lavori preferiti. Il trasferimento di Cagibi, il caffè ora installato a Little Italy, è stato un duro colpo per coloro che si erano innamorati della città frequentando questo luogo un tempo simbolo della zona.

“La chiusura di queste società è una tragedia”, dice. E penso che la colpa sia in parte degli sviluppatori immobiliari. Ovviamente, non hanno completamente torto. ”

Tuttavia, si rammarica della situazione. Secondo lui, la maggior parte dei proprietari di edifici della zona non vive nella zona.

“Poca attenzione al tessuto socio-economico della città, a ciò che la rende unica e alle istituzioni che ne hanno costruito la reputazione. La speculazione immobiliare espelle le società indipendenti che sono la magia del territorio”.

Tutti coloro che sono anche membri del Mile End Ensemble sentono che la maggior parte di questi clienti desidera soprattutto vedere le grandi catene mettere radici, come Lululemon e Starbucks.

“Ma se il loro piano viene attuato, finirà accanto a noi come se fosse un qualsiasi altro quartiere su questo pianeta”, dice. E non credo che sia ciò che la popolazione vuole o di cui ha bisogno. ”

READ  Turchia e Unione Europea: gli europei sono pronti per l'unificazione, non 'passando la spugna'

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *