L’universo è composto per il 95% da materia misteriosa invisibile

Una nuova misurazione della composizione dell’universo sta sconvolgendo la comprensione dell’universo, secondo uno studio presentato sull’Astrophysical Journal.

Una misurazione più accurata della formazione e dell’espansione dell’universo conferma che “qualcosa non va bene” nella nostra comprensione dell’universo, secondo gli astrofisici che hanno effettuato questi calcoli pubblicati mercoledì.

L’universo che conosciamo è composto solo per il 5% circa da materia visibile chiamata barionica. Il resto, secondo la teoria, è costituito da materia oscura ed energia: due misteriose componenti che si ritiene spieghino la fisica dell’universo osservata dagli astronomi.

La materia oscura si aggiunge alla materia visibile per spiegare, ad esempio, la massa delle galassie. Queste due sostanze rappresentano il 33,8% della composizione dell’universo, secondo lo studio presentato sull’Astrophysical Journal.

La misurazione più accurata della formazione e dell’espansione dell’universo conferma che “qualcosa non va bene” nella nostra comprensione dell’universo (AFP)

L’energia oscura, che rappresenta il restante 66,2%, dovrebbe spiegare l’espansione dell’universo, che vede le galassie allontanarsi l’una dall’altra più rapidamente.

Per arrivare a questi numeri, un team internazionale di scienziati ha analizzato la luce di 1550 supernove, stelle che esplodono alla fine della loro vita, e le più lontane raggiungono i 10 miliardi di anni luce, cioè risalenti a un tempo in cui l’universo era solo un quarto della sua età attuale.

“Possiamo confrontarlo e vedere come l’universo si comporta e si evolve nel tempo”, ha detto all’AFP Dillon Prout, dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e autore principale dello studio, soprannominato Pantheon+.

Questo studio ha modificato i risultati di uno studio precedente, Pantheon. Rappresenta “il culmine di oltre due decenni di sforzi da parte di osservatori e teorici di tutto il mondo per decifrare l’essenza dell’universo”, ha affermato in un comunicato stampa l’astrofisico Adam Rees, vincitore del Premio Nobel per la fisica nel 2011.

READ  Bitcoin e NFT, il gap generazionale

Osservando le supernove alla fine degli anni ’90, Reiss e altri ricercatori hanno scoperto che l’espansione dell’universo sta accelerando. “È come se stessi lanciando una palla in aria e, invece di cadere, continua a salire mentre acceleri”, ha detto Dillon Pruitt.

La misurazione più accurata

Pantheon+ e i suoi dati si sono uniti alla collaborazione SH0ES per fornire la misurazione più accurata e conosciuta della velocità di questa espansione. Questo è a una velocità di 73,4 chilometri al secondo per megaparsec (3,26 milioni di anni luce). In altre parole, un pezzo di universo lungo più di 30 miliardi di km si estende oggi a una velocità di oltre 260 mila km/h.

Le teorie tentano di spiegare il paradosso con l’esistenza di un’altra forma di energia oscura nelle prime età dell’universo (AFP)

E questo è l’intero problema. Poiché un altro modo per misurare il tasso di espansione dell’universo si basa sulla misurazione del fondo cosmico a microonde, il resto della radiazione che si è verificata poco dopo il Big Bang. Questo calcolo pone il tasso di espansione a 67 km/s/Mpc (MFA).

La differenza tra le due misurazioni è chiamata tensione di Hubble, che prende il nome dall’astronomo americano che ha fornito una comprensione cruciale del fenomeno della separazione galattica.

L’accuratezza dei risultati del Pantheon+ esclude che la tensione di Hubble sia frutto del caso. “Questo suggerisce che potrebbe esserci qualcosa di sbagliato nella nostra comprensione dell’universo”, ha detto Dillon Pruitt all’AFP.

Le teorie cercano di spiegare la discrepanza con la presenza di un’altra forma di energia oscura nelle prime età dell’universo, con una sorta di campi magnetici primordiali, o con il fatto che la Via Lattea si troverebbe in una sorta di vuoto cosmico facendola rallentare. .

READ  Il primo buco nero è stato rivelato in una nuova immagine sbalorditiva

Ma a questo punto, conclude Prutt, “Noi scienziati prosperiamo nel non capire tutto”.

con AFP

Iscriviti alla nostra Newsletter

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.