L’ospedale Château-Gontier acquisisce un cubo di realtà virtuale per curare i malati di mente

L’ospedale Château-Gontier acquisisce un cubo di realtà virtuale per curare i malati di mente

È una tecnologia che racchiude tutto in una piccola rivoluzione: lo potranno fare i pazienti del reparto di psichiatria dell’ospedale di Château-Gontier-sur-Maine curare la loro fobia utilizzando un cubo di realtà virtuale. Questa tecnologia è stata appena installata in una piccola stanza del Centro Ospedaliero Haut-Anjou. scenario paziente più reale della vita, Affronta una scena che lo rende ansioso e imparerà gradualmente a gestire i suoi problemi.

“Si riferisce a quasi tutte le fobie”

Un video viene proiettato su quattro schermi contemporaneamente: sul soffitto, sulla parete di fondo e sui lati. Il paziente è completamente circondato da immagini e suoni. “Ci sono altoparlanti per creare l’atmosfera e videoproiettori per un’immersione totale. Lì, l’immagine è un po’ sfocata, perché è in 3Ddescrive il Dr. Nabil Benhamid, uno psichiatra che lavora con questa tecnologia.Questo praticante algerino lavora a Chateau-Gontier-sur-Maine da novembre ed è stato attratto nel Maine da questa nuova apparecchiatura dell’Haut-Anjou. “Sono stato contattato per la mia sperimentazione per poter combinare la terapia con la realtà virtuale“, Conferma.

Hai bisogno di occhiali 3D per guardare il video. Questo trattamento consente di risparmiare tempo e impedisce il ricorso automatico ai farmaci. “Al momento, un paziente che arriva per fobia, per paura, viene trattato direttamente con un antidepressivo, è automatico. dice d. Nabil Benhamed. Tutte le posizioni possono essere studiate, a seconda della fobia del paziente.Diciamo che una persona ha paura di guidare in autostrada o di attraversare un ponte: non usciremo ogni volta con la persona da attraversare, facciamo tutto. La realtà virtuale ci consente davvero di rimanere in ufficio, infondere paura e calmare la paura dopo”. spiega lo psichiatra algerino di 41 anni.

I video vengono proiettati su tre pareti contemporaneamente: le situazioni vengono simulate e vissute dai pazienti grazie agli occhiali 3D.
I video vengono proiettati su tre pareti contemporaneamente: le situazioni vengono simulate e vissute dai pazienti grazie agli occhiali 3D.
© Radio Francia

Maiwenn Bordon

La terapia del cubo di realtà virtuale può essere una preoccupazione.Quasi tutte le fobie “,” animali, insetti, automobili, paura del vomito, paura del vomito “, Elenco del dottor Nabil bin Hamad. I terapisti scelgono un video dai loro database.Loro stessi creeranno il contenuto, ritraendo situazioni inquietanti, stressanti e lenitive riguardanti i problemi e le malattie dei pazienti. E dopo pochi clic, saranno in grado di unirlo al cubospiega Mark Travers, co-direttore di Laval Imagin-VR, che ha progettato il cubo di realtà virtuale.

READ  Scopri la nostra nuova collezione di t-shirt "Les Genies de Science".

Ad esempio, è possibile fotografare situazioni in una stazione ferroviaria o in una fiera.Per le persone che hanno paura dei trasporti pubblici o hanno paura della folla. afferma Alice Hoodot, un’infermiera sofisticata presso il Centro psichiatrico dell’ospedale di Château-Gontier-sur-Maine.

I pazienti devono essere preparati prima di entrare in questo cubo di realtà virtuale. In totale, tra teoria e pratica, sono necessarie 16 sessioni.Devi preparare la persona a livello teorico, preparare la persona a questa paura ea questa esposizione. Non puoi semplicemente gettare la persona nella fossa dei leoni. Per prima cosa spiegheremo la paura, da dove viene, perché esiste e come funzionaNabil Benhamed insiste sul fatto che le sessioni del cubo di realtà virtuale consentono ai pazienti di liberarsi delle loro fobie.

Il dottor Bin Hamad sta attualmente curando quattro pazienti con disturbi d’ansia. “Altri sono in lista d’attesa“, precisa.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *