L’esercito russo nega di aver causato l’abbattimento del drone americano

L’esercito russo nega di aver causato l’abbattimento del drone americano

L’esercito russo ha ammesso che martedì due dei suoi caccia hanno intercettato un drone statunitense nel Mar Nero, ma ha confermato di non averlo colpito né di averlo fatto cadere, contrariamente a quanto annunciato da Washington.

• Leggi anche: Un caccia russo ha colpito un drone americano nel Mar Nero

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato: “Dopo una manovra improvvisa, intorno alle 9:30 ora di Mosca (6:30 GMT), il drone MQ-9 ha iniziato un volo incontrollato con una perdita di quota e ha colpito la superficie dell’acqua.

“I combattenti russi non hanno usato le loro armi, non hanno contattato il drone e sono tornati sani e salvi alla loro base”, ha aggiunto il ministero.

Ha anche affermato che il drone ha volato “con i transponder spenti” e ha violato “l’area del regime temporaneo per l’uso dello spazio aereo istituito per svolgere l’operazione speciale militare” in Ucraina, che ha portato alla sua intercettazione.

Secondo il ministero, l’esistenza di questa zona aerea istituita per le operazioni militari russe “è stata comunicata a tutti gli utenti dello spazio aereo internazionale ed è stata pubblicizzata secondo gli standard internazionali”.

Il ministero russo afferma inoltre che il drone è stato rilevato “nella regione della Crimea” e sta avanzando “in direzione” dei confini della Federazione Russa.

READ  L'attacco al Campidoglio | Gli agenti di polizia fanno causa a Donald Trump

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *