L'eruzione sottomarina vicino all'isola di Vancouver sarà così calda che l'acqua traboccherà

L'eruzione sottomarina vicino all'isola di Vancouver sarà così calda che l'acqua traboccherà

Un’esplosione di magma sotto il fondale dell’Oceano Pacifico al largo dell’isola di Vancouver sarà così calda che l’acqua traboccherà, ma solo gli scienziati se ne accorgeranno.

Gli scienziati dell’Ocean Networks Canada si aspettano che si verifichi un’eruzione entro poche settimane o anni dopo aver rilevato fino a 200 piccoli terremoti all’ora nell’area la scorsa settimana.

Dicono che la prevista eruzione vulcanica – profonda circa cinque chilometri e a 260 chilometri al largo della costa di Tofino, sulla costa occidentale dell’isola di Vancouver – sarebbe troppo lontana e troppo piccola per destare preoccupazione.

Tuttavia, questo fenomeno offre un'opportunità unica per saperne di più sulla composizione della crosta terrestre.

Martin Sherwath, uno scienziato dell'organizzazione, ha affermato che questa sarà la prima opportunità di catturare questo fenomeno utilizzando strumenti subacquei.

L'Osservatorio di Nettuno ha raccolto dati dal sito sin dalla prima installazione dell'attrezzatura nel 2009.

“Quindi questa è la prima volta che l'osservatorio della rete via cavo è lì permanentemente e che abbiamo davvero la possibilità di capire cosa sta succedendo”, è raggiante il signor Sherwath.

Ha spiegato che la crosta terrestre non si forma lentamente nel tempo, ma piuttosto cresce attraverso questo tipo di eruzione di magma in raffreddamento, registrata l'ultima volta circa 20 anni fa.

“Ci sarà un grande evento di espansione e vogliamo sapere esattamente quanto si diffonderà, quanta nuova crosta oceanica genererà e a quale velocità”, ha detto.

Ocean Networks Canada afferma che l'osservatorio ha rilevato per anni un aumento dell'attività sismica nell'area conosciuta come il settore Endeavour della cresta Juan de Fuca, ma ha raggiunto il picco il 6 marzo, quando ha registrato il livello più alto di attività sismica in quasi due decenni.

READ  La NASA perde il contatto con la sonda Voyager 1 in circostanze misteriose

“Quello che è successo la scorsa settimana è stato straordinario rispetto al graduale aumento a cui abbiamo assistito”, ha detto Sherwath. Quindi probabilmente ce n'erano alcuni in media al giorno, ma 200 è un numero eccezionale.

Grande progresso scientifico

Durante l'ultima eruzione, 20 anni fa, gli scienziati avevano solo sismometri sul fondo dell'oceano per raccogliere informazioni sui terremoti.

Questa volta, i dati verranno raccolti quasi in tempo reale e includeranno apparecchiature aggiuntive per misurare le variazioni di temperatura o qualsiasi rumore causato dalla lava che penetra nel fondale marino.

La temperatura del magma è stimata a circa 800 gradi Celsius, ma si raffredderà rapidamente quando entrerà in collisione con l'acqua dell'oceano.

Guarda anche: Islanda: le autorità chiedono ai curiosi di evitare la zona di un'eruzione vulcanica

Martin Sherwath suggerì che la “roccia liquida, quasi fluente” si sarebbe sollevata dal fondo del mare, si sarebbe indurita e sarebbe diventata rapidamente nera, mentre il calore avrebbe fatto frizzare l'acqua circostante.

Lui e i suoi colleghi geofisici monitoreranno la quantità di crosta terrestre che si forma in una singola eruzione, mentre i biologi saranno più interessati a come gli animali rispondono ai potenziali cambiamenti, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *