“Le scienze di Hollywood mantengono il mito della migrazione di massa verso altri mondi vivibili”.

SRicorda: era settembre 2020 e sui giornali c’era molta fosfina. I media hanno scioccato i media con questa strana parola che la maggior parte di noi non aveva mai sentito prima, ma poi ha portato informazioni abbastanza importanti da saturare lo spazio pubblico per alcuni giorni.

Uno studio è stato pubblicato in Astronomia naturale Gli autori di questo lavoro hanno riportato la scoperta della fosfina nell’atmosfera di Venere ed era lì, e gli autori di questo lavoro hanno suggerito un’indicazione della vita microbica nella copertura nuvolosa del pianeta. Sembra che la fosfina sia effettivamente un marker del metabolismo batterico.

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Ci sono indizi di vita nell’atmosfera di Venere?

Il ritrovamento è stato rapidamente respinto e presto sostituito da molte altre storie dello stesso barile. Pochi giorni dopo, la televisione pubblica francese ha trasmesso un documentario che spiega come la cintura di asteroidi potrebbe essere utilizzata come base di sfondo per un’invasione del Sistema Solare. Forse a partire dalla colonizzazione di Cerere, pianeta nano a cui il fisico Pekka Janhonen (il Centro di osservazione spaziale dell’Istituto meteorologico finlandese) ha appena dedicato uno studio di “bonifica”, pubblicato sul sito pre-rilascio arXiv.

Hollywood Sciences

Notizie scioccanti hanno riempito il dibattito pubblico pochi giorni dopo con il lancio globale, alla fine di gennaio, di un articolo scritto dall’astrofisico Avi Loeb (Harvard University), indicando che “Oumuamua – un asteroide rettangolare il cui percorso sorprende gli scienziati – è in realtà una strana nave …

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Oumuamua è una prova di vita extraterrestre? L’ipotesi non dimostrata dello scienziato Avi Loeb

Dietro questa accumulazione della scienza hollywoodiana e della sua trasmissione nei media c’è molto più di un semplice interesse per il progresso della conoscenza (nessuno ne contesta il valore intrinseco). C’è chiaramente un mito che si forma lì che non parla in suo nome, ma che opera sull’immaginazione e sul subconscio.

READ  Thousands are obsessed with this handcrafted craft project of turning unwanted glass jars into elegant vases

Accumulando informazioni contestuali, facendo credere che ci sarà un gran numero nell’universo inabitabile e inaccessibile, rende più probabile la distruzione dell’ambiente, alimentando la vaga speranza di una possibile migrazione di massa – e questa forse non è una coincidenza il primo è stato battezzato Missione degli Emirati Arabi Uniti su Marte « Al-Amal » (“Speranza” in francese).

La documentazione del vocabolario che studiosi e giornalisti usano inconsciamente deriva da questa speranza irrazionale. Non stiamo dicendo di alcuni esopianeti che si trovano in una “zona abitabile” quando sono a una distanza dalla loro stella coerente con il mantenimento della superficie dell’acqua liquida? Parlare di abitabilità è già pensare alla casa.

Hai il 53,45% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *