Le alghe brune sono ottime per immagazzinare e sequestrare il carbonio

Le alghe brune sono ottime per immagazzinare e sequestrare il carbonio

Pensiamo in particolare agli alberi per catturare, immagazzinare e sequestrare il carbonio rilasciato dalle attività umane. Spesso dimentichiamo che anche le piante acquatiche come le alghe fanno questo in modo molto efficace. Da diversi anni, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) considera l’allevamento delle alghe come una potenziale strategia per mitigare il cambiamento climatico.

Nel corso di un simposio dal titolo Carbonio blu e cambiamento climatico Martedì alla conferenza Acfas, tenutasi all’Università di Ottawa, Fanny Noisette, professoressa di oceanografia biologica all’Università del Quebec a Rimouski, ha presentato il grande potenziale delle macroalghe per immagazzinare e sequestrare il carbonio nelle nostre regioni.

“Nelle regioni costiere, dalle regioni temperate a quelle polari, le macroalghe brune – le alghe – formano comunità altamente produttive”, ha spiegato. Queste macroalghe generano detriti, alcuni dei quali si riversano sulle spiagge, altri scompaiono nelle profondità oceaniche che sono spesso coperte. sedimenti privi di ossigeno che sequestrano il carbonio.

Ha sottolineato che le macroalghe hanno molte qualità che le rendono interessanti per catturare, immagazzinare e sequestrare il carbonio. In primo luogo, esistono habitat adatti per le alghe brune in quasi tutte le aree costiere del mondo, che rappresentano “un enorme potenziale di stoccaggio del carbonio”.

Secondo misurazioni pubblicate nel 2022, le alghe assimilano – cioè lo catturano attraverso la fotosintesi e quindi lo immagazzinano – in media tra 0,2 e 1 chilogrammo di carbonio per metro quadrato all’anno, a seconda che si tratti di alghe verdi o mesoalghe costiere. (dove si verificano le maree), alghe brune (cioè grandi piante di erba marina che sono costantemente sott’acqua), alghe delle barriere coralline o alghe rosse degli ambienti profondi.

READ  The Weeknd è Apple Music Artist of the Year

“Nelle regioni fredde, come ad esempio qui, viene immagazzinato circa un chilogrammo di carbonio per metro quadrato, mentre nelle regioni leggermente più calde viene immagazzinato solo un terzo di questo valore. “Abbiamo sistemi”, spiega il ricercatore del Rimouski Institute of Marine Sciences ha osservato che l’ambiente immagazzina molto carbonio.

“Ma di quel chilogrammo di alghe per metro quadrato, più del 50% ritorna nell’ambiente sotto forma di rifiuti e carbonio disciolto. “Quindi abbiamo ecosistemi che sono in grado di immagazzinare molto, ma ne rilasciano molto nell’ambiente. il che presenta un problema di sequestro”, ha aggiunto.

Per scoprire dove è intrappolato il carbonio immagazzinato in queste alghe, gli scienziati hanno prelevato campioni di acqua da diverse profondità e hanno analizzato il DNA nell’acqua. Hanno così potuto rilevare tracce di diverse famiglie di alghe fino a 4.000 metri di profondità, una profondità particolarmente adatta all’isolamento.

Carbonio blu

“Dalla metà degli anni 2000 abbiamo sviluppato e testato le prime tecnologie che utilizzano le macroalghe per immagazzinare il carbonio. Nel 2008 è stato introdotto il concetto di “carbonio blu”.IO Nocciola.

Il ricercatore ha confermato che il settore dell’acquacoltura marina emette una quantità molto ridotta di carbonio rispetto alla piscicoltura e all’allevamento di bivalvi (cozze, ostriche, ecc.). Il vantaggio principale della coltura delle alghe è il rapido accumulo di carbonio nei tessuti. Le alghe raccolte possono poi essere utilizzate nell’alimentazione umana o animale, nonché in prodotti farmaceutici o nutraceutici.

Il secondo vantaggio è che il sequestro del carbonio può avvenire sotto e vicino agli allevamenti di alghe, perché il carbonio che le alghe perdono quando si decompongono cade sul fondo dell’acqua e viene sepolto nel sedimento. Le alghe di grandi dimensioni possono crescere su corde che possono essere tirate in barca e sepolte sul fondo del mare. Esistono anche linee circolari dotate di grandi coltelli che tagliano regolarmente le alghe in modo che i detriti cadano sulla superficie dell’acqua. Esistono anche piattaforme biodegradabili dove possiamo coltivare alghe e galleggiare in mezzo all’oceano. Dopo un po’, ad esempio, queste piattaforme affonderanno da sole sul fondo dell’acqua.

READ  Prova Huawei Watch GT 3 : une élégante montre connectée tournée vers le sport

Il terzo vantaggio è la capacità delle aziende di acquacoltura di raggiungere la neutralità del carbonio. “Poiché le alghe immagazzinano molto carbonio, gli allevatori marini hanno dei vantaggi nel coltivarle insieme ad altri frutti di mare”, afferma il professore.

“La quantità di carbonio catturato e assimilato dalle alghe è spesso maggiore della quantità di produzione agricola terrestre, a volte supera addirittura di gran lunga la coltivazione della canna da zucchero, che è una delle colture che… Cattura la maggior parte del carbonio in termini di crescita e velocità. L’acquacoltura delle alghe ha quindi un reale potenziale di stoccaggio”, sottolinea M.IO Nocciola.

“Tuttavia, non possiamo fare affidamento esclusivamente sul carbonio blu per risolvere la crisi del cambiamento climatico. Non saremo in grado di salvare il pianeta coltivando più alghe. Anche la protezione e il mantenimento di questi ambienti sono cruciali se li perdiamo, verranno distrutti”. Riemettendo tutto il carbonio immagazzinato all’interno.

Da vedere in video

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *