La musica di Mozart ti rende più intelligente? Falso!

La musica classica, composta in particolare da Wolfgang Amadeus Mozart, ti rende più intelligente e può combattere l’epilessia? Il Rilevatore di voci Copre questa premessa è abbastanza attraente per produrre molti libri per bambini e DVD.

L’origine della voce

Nel 1993, un articolo sulla rivista natura Concludi questo ascolta Mozart Sonata per pianoforte in re maggiore Porterebbe ad un aumento temporaneo del “pensiero spaziale”, cioè la capacità di manipolare mentalmente le forme e trovare il proprio percorso nello spazio. Alcuni media concludono quindi: la musica di Mozart migliorerà l’intelligenza.

Alcuni anni dopo, l’autore americano Don Campbell pubblicò un libro intitolato Effetto Mozart. Lì espone questa teoria secondo cui la musica del compositore austriaco avrà effetti benefici sullo sviluppo mentale. Nel 1998, il governatore degli Stati Uniti della Georgia, Zell MillerPropone persino di liberare 105.000 dollari dal bilancio statale per dare a ogni neonato un CD di Mozart.

fatti

Frances Rauscher, autrice principale dello studio pubblicato in naturaNon è mai stato affermato che la musica di Mozart possa aumentare l’intelligenza in generale. In effetti, la sua esperienza consisteva nel suonare una Sonata di Mozart per uno studente universitario americano per 10 minuti. Quindi dovevano prevedere come sarebbe stata la carta piegata e tagliata in un certo modo.

Gli studenti che sono stati esposti alla sonata hanno avuto più successo con questo compito di quelli che hanno suonato una registrazione solo per rilassarsi o tacere. Sulla base dei criteri utilizzati da Francis Rauscher per tradurre i punteggi dei partecipanti nell’equivalente QI, vediamo un aumento da 8 a 9 punti QI. L’effetto è durato solo 10-15 minuti.

READ  Perché i boccali di birra fanno un brutto frisbee?

D’altra parte, l’uso del QI per misurare l’intelligenza è oggetto di dibattito. D’altra parte, molti altri ricercatori hanno provato a ripetere l’esperimento senza successo. Particolarmente Kenneth M Steel Che nel 1999 ha imitato fedelmente l’azione originale e non è riuscito a scoprire l ‘”effetto Mozart”.

Nel 2010, per risolvere il problema, Studiosi di Vienna Ha valutato 40 studi con più di 3.000 soggetti. La loro conclusione principale: il laboratorio di Francis Ruscher ha lavorato sistematicamente per misurare un impatto maggiore rispetto all’influenza di altri team. In definitiva, scrivono, ci sono pochissime prove a sostegno dell’effetto Mozart.

E l’epilessia?

Tuttavia, la musica di Mozart potrebbe avere altri vantaggi. Nell’anno 1998, Ricercatori americani È stato osservato che riduce la frequenza delle crisi epilettiche e delle crisi di attività cerebrale anormale in pazienti con epilessia.

Il meccanismo che potrebbe spiegare questo effetto deve ancora essere determinato. È possibile che la struttura ritmica della musica di Mozart attivi certi circuiti nervosi che si dice abbiano proprietà antiepilettiche.

Questi risultati hanno suscitato l’interesse della comunità medica, poiché i farmaci per l’epilessia sono inefficaci in circa il 30% dei malati. Pertanto, negli ultimi anni sono stati condotti molti esperimenti per approfondire l’argomento.

Nella primavera del 2020, Ricercatori italiani Ho esaminato alcuni degli studi coinvolti per determinare se la musica di Mozart potesse effettivamente aiutare con l’epilessia. Includevano 75 studi sulla ritenzione di 12 che soddisfacevano i loro criteri (condotti su pazienti con epilessia che hanno valutato, attraverso dati quantitativi, l’effetto della musicoterapia di Mozart). La loro analisi tende a confermare che la musica di Mozart può avere un effetto positivo sulle persone con epilessia.

READ  Informativa sulla privacy - Québec Science

Tuttavia, questi scienziati indicano che la qualità degli studi è bassa e che pochissimi partecipanti vi prendono parte. Inoltre, ci sono molte differenze nelle metodologie, tra cui l’età del paziente, il tipo di epilessia, il corso della procedura, la durata del trattamento e il brano musicale utilizzato. Pertanto, gli autori hanno concluso che sono necessari studi più accurati e più ampi.

Regola

La musica di Mozart non ha effetti apprezzabili sull’intelligenza. D’altra parte, può essere un modo divertente per alcuni pazienti con epilessia. Ma dovremo aspettare dati più difficili prima di considerarlo una cura.

Iscriviti alla newsletter!


Altri contenuti:

Stagionale: cerca il lusso professionale, ma a distanza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *