La Cina lancia esercitazioni militari come “severa punizione” contro Taiwan

La Cina lancia esercitazioni militari come “severa punizione” contro Taiwan

Giovedì la Cina ha circondato Taiwan con navi e aerei militari, nell’ambito di manovre che Pechino ha presentato come una “punizione” contro il suo nuovo presidente, Lai Ching-ti, e le forze “indipendentiste” dell’isola.

• Leggi anche: Taiwan: il presidente Lai invita la Cina a “fermare le intimidazioni politiche e militari”

• Leggi anche: Taiwan rileva 45 aerei cinesi sul suo territorio, un numero record quest’anno

Il ministero della Difesa taiwanese ha condannato “fortemente” queste esercitazioni e ha annunciato di aver “schierato forze navali, aeree e terrestri (…) per difendere la libertà, la democrazia e la sovranità” nel territorio.

Il portavoce presidenziale taiwanese ha denunciato il “comportamento militare provocatorio” di Pechino.

Questi esercizi vengono eseguiti tre giorni dopo il discorso inaugurale di Lai Ching Tee. La Cina ha considerato queste dichiarazioni come un “riconoscimento dell’indipendenza di Taiwan” e ha minacciato le autorità taiwanesi di “ritorsioni”.

La Cina considera Taiwan una delle sue province che non è ancora riuscita a riunirsi con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese nel 1949 e dall’avvento dei comunisti al potere.

Li Shi, portavoce del Teatro Orientale dell’esercito cinese, ha dichiarato in un comunicato che le manovre sono iniziate alle 7:45 di giovedì (23:45 GMT di mercoledì) e dovrebbero continuare fino a venerdì.

Si svolge “nello Stretto di Taiwan, a nord, a sud e ad est dell’isola di Taiwan, nonché nelle aree circostanti le isole di Kinmen, Matsu, Wokyo e Donjin”.

Queste ultime isole si trovano nelle immediate vicinanze della costa orientale cinese.

La guardia costiera cinese ha immediatamente annunciato di aver lanciato una “esercitazione di legge e ordine” vicino alle isole taiwanesi di Wukio e Donjin. Anche le loro controparti taiwanesi hanno schierato la loro flotta in mare.

READ  Elezioni legislative in Francia: Macron esclude le dimissioni “qualunque sia il risultato”
“assedio”

Li Xi ha affermato che queste manovre costituiscono “una severa punizione per le azioni separatiste delle forze di ‘indipendenza di Taiwan’ e un severo avvertimento contro le interferenze e le provocazioni da parte di forze esterne”.

La Cina continentale, guidata dal Partito Comunista, afferma di essere favorevole alla riunificazione “pacifica” con il territorio democraticamente governato dell’isola, che conta una popolazione di 23 milioni di abitanti. Ma non ha mai abbandonato l’uso della forza militare.

Queste nuove esercitazioni, denominate Joint Sword-2024A, includono unità dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica Militare e un’unità missilistica.

Il portavoce ha affermato che l’obiettivo è “testare le reali capacità di combattimento congiunto delle forze di comando”.

Zhang Qi, professore all’Università della Difesa Nazionale di Pechino, ha dichiarato alla televisione di stato cinese che le manovre miravano a “imporre un blocco economico sull’isola” “soffocando” il porto strategico di Kaohsiung a Taiwan.

Ha aggiunto che un tale blocco rende possibile tagliare “le importazioni di energia vitale a Taiwan” e “impedire il sostegno che alcuni alleati degli Stati Uniti forniscono alle forze dell’indipendenza di Taiwan”.

Intervenendo a Canberra, il generale americano Stephen Sklinka ha descritto la situazione come “preoccupante”.

La CCTV ha pubblicato una mappa che mostra le nove aree in cui si sta svolgendo la formazione. L’isola più vicina a Taiwan risulta essere a meno di 50 chilometri dalla costa.

Lunedì, durante il suo giuramento, Lai Qing-ti, che Pechino ha descritto in passato come un “pericoloso separatista”, ha invitato la Cina a “fermare le intimidazioni politiche e militari”.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha risposto martedì che i separatisti taiwanesi “si prenderanno gioco della vergogna della storia”.

READ  Gordon: tre uomini di colore assolti dall'accusa di tentata rapina 50 anni dopo l'incidente
“Senso vietato”

Questa settimana la Cina ha anche risposto imponendo sanzioni a diverse società statunitensi per denunciare le vendite di armi statunitensi a Taiwan.

Dall’arrivo al potere sull’isola di Tsai Ing-wen (2016-2024), il cui partito, come quello di Lai Ching-tei, considera questa regione veramente indipendente, le autorità taiwanesi hanno rafforzato le loro relazioni con gli Stati Uniti.

Giovedì, l’esercito cinese ha affermato in un messaggio che mostrava immagini toccanti e pericolose di aerei da combattimento, navi e missili: “Affidarsi a paesi stranieri significa prendere la strada sbagliata”.

Ha detto: “La nazione deve essere riunita, e inevitabilmente sarà riunita”.

Le precedenti esercitazioni militari su larga scala della Cina intorno a Taiwan si sono svolte nell’agosto 2023, un “severo avvertimento” secondo Pechino dopo che il signor Lai, allora vicepresidente, aveva visitato gli Stati Uniti.

Pechino ha anche lanciato esercitazioni di portata storica nell’agosto 2022 dopo la visita di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, nell’isola.

“L’esercitazione attuale si chiama Joint Sword-2024A, il che probabilmente significa che ci saranno diverse esercitazioni quest’anno”, ha detto l’analista Bill Bishop nella sua newsletter Sinocism. La lettera “A” indica che è il primo di una serie.

Il conflitto nello Stretto di Taiwan, anche se la maggior parte degli esperti esclude questa ipotesi nel breve termine, avrebbe un impatto devastante sull’economia: più del 50% dei container trasportati nel mondo passano attraverso questo stretto e l’isola produce il 70% del suo esigenze. Semiconduttori su questo pianeta.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *