Jolie chiede una tregua umanitaria per evacuare 400 canadesi bloccati nella Striscia di Gaza

Jolie chiede una tregua umanitaria per evacuare 400 canadesi bloccati nella Striscia di Gaza

“Vivono nella paura e nella disperazione”, ha dichiarato il ministro durante un discorso al Consiglio per le relazioni internazionali di Montreal (CORIM).

In questo senso, la Jolie ha chiesto una tregua umanitaria, soprattutto con l’obiettivo di “farli uscire da questa situazione insostenibile”.

“Tutti gli ostaggi devono essere rilasciati e nella Striscia di Gaza deve essere consentito l’ingresso di più cibo, acqua e carburante”.

– Melanie Jolie, Ministro degli Affari Esteri del Canada

Il Ministro ha anche colto l’occasione per distinguere tra una tregua umanitaria e un cessate il fuoco. “Un cessate il fuoco si ottiene quando le ostilità sono finite completamente e le parti hanno raggiunto un’intesa. È sempre più facile quando due paesi sono in guerra. Qui ci troviamo di fronte a uno stato, Israele, e a un’organizzazione terroristica, Hamas. Raggiungere un cessate il fuoco è molto più difficile”, ha spiegato. Inoltre, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rifiutato un cessate il fuoco.

Una tregua umanitaria è “una cessazione temporanea delle ostilità concordata tra le parti in conflitto per scopi puramente umanitari”. Da parte sua, sottolinea il Comitato internazionale della Croce Rossa.

“In tempo di guerra ci sono regole che devono essere rispettate.”

Il ministro degli Esteri canadese, pur riconoscendo il diritto di Israele a difendersi dagli attacchi terroristici, ha sottolineato che il Paese deve farlo “nel rispetto del diritto internazionale”.

“Anche in tempo di crisi ci sono principi che devono essere rispettati – ha proseguito – Anche in tempo di guerra ci sono regole che devono essere rispettate”.

Il ministro ha anche chiesto un trattamento equo dei civili israeliani e palestinesi.

La Jolie ha sottolineato: “Sosterremo sempre una soluzione a due Stati, dove i popoli israeliano e palestinese possano vivere fianco a fianco in pace e sicurezza, e dove il diritto dei palestinesi all’autodeterminazione sarà rispettato”.

vedere | Comprendere la guerra tra Israele e Hamas: chi sono gli attori del conflitto?

Nel cuore di una crisi di sicurezza internazionale

Per quanto riguarda l’attuale stato del mondo, il ministro Jolie ha sottolineato che attualmente siamo “nel cuore di una crisi di sicurezza internazionale”.

Ha aggiunto: “La stabilità che ci ha dato una certa protezione è ora messa alla prova da paesi e organizzazioni che cercano di cambiare le regole del gioco e che credono che le regole possano essere violate senza conseguenze”.

La Jolie ha aggiunto di aver notato “una crescente audacia” tra alcuni attori che stanno cercando di “inclinare l’equilibrio del potere attraverso il solo peso della loro influenza”.

Attraverso la divisione, il Ministro ha annunciato futuri investimenti nelle Forze Armate canadesi attraverso le politiche del Ministro della Difesa Bill Blair.

D’altra parte, la Jolie ha annunciato l’intenzione del Canada di avvicinarsi ai paesi asiatici. Ha aggiunto: “Dobbiamo essere vicini al Giappone e alla Corea del Sud come lo siamo al Regno Unito, alla Francia, alla Germania e all’Italia”.

Sei nuove ambasciate saranno inoltre dislocate in Europa orientale, Armenia, Ruanda e Fiji per le isole del Pacifico.

Inoltre il Canada vuole aumentare la propria presenza nelle Nazioni Unite e nelle istituzioni multilaterali, ha aggiunto.

READ  Il Primo Ministro italiano arriva in Israele in visita di solidarietà

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *