Jean-Mathieu Defore: “Nel CHM è complicato, ma dobbiamo continuare a sperare”

Jean-Mathieu Defore: “Nel CHM è complicato, ma dobbiamo continuare a sperare”

Jean-Mathieu Defore, direttore del Centro ospedaliero di Mayotte, è stato lunedì ospite di Zeccoli

Il direttore dell’ospedale offre alcuni chiarimenti dopo la morte di una seconda paziente affetta da colera, una donna di 62 anni che vive a Cavani e chiede informazioni sulle sue cure: “È venuta per la prima volta al pronto soccorso ed è stata rimandata a casa perché le sue condizioni in quel momento non erano conformi allo standard… “Lei… Un caso su cui stiamo indagando e il dossier è in fase di analisi, come avviene ogni volta che ci troviamo di fronte a questo tipo di morte Secondo Jean-. Mathieu Defore, “la stessa analisi è stata effettuata sul primo caso di una giovane ragazza morta di colera in Congo all’inizio dell’epidemia”.

Quando Jean-Mathieu Defore è stato interrogato sulla testimonianza di uno o più medici, pubblicata sul quotidiano nazionale Libération, che denunciava “uno stato di caos al pronto soccorso”, ha invocato “la vendetta tra virgolette” proveniente da testimonianze anonime. “Abbiamo riorganizzato il pronto soccorso da quando è emersa la crisi due anni fa, a causa del mancato rispetto degli orari di lavoro da parte di alcuni medici”. Secondo lui, questa riorganizzazione non avrebbe dovuto piacere ad alcuni operatori sanitari.

Jean-Mathieu Defore è consapevole che la situazione generale nell’ospedale è tesa: “Abbiamo 300 posti di medico, di cui solo 200 sono occupati, e spesso da medici che non soggiornano”; Cita gli sforzi del Clearinghouse per attirare medici e infermieri a Mayotte: “Durante Santexpo abbiamo ricevuto un centinaio di CV”.

“È complicato ma l’ospedale funziona”, ha detto il direttore. “Dobbiamo ancora mantenere la speranza”.

READ  Il film di fantascienza prodotto da Neil Blomkamp ha un cast eccezionale

Interrogato, infine, sulla presunta priorità nel trattamento dei clandestini rispetto ai mahoriani, il direttore nega: “So che è un’idea ampiamente diffusa, posso dirvi che non è la verità”, aggiungendo che se qualcuno si sente offeso, può ricorrere a un comitato di utenti o anche ai tribunali.

Jean-Mathieu Defore, direttore del Centro ospedaliero di Mayotte, è stato lunedì ospite di Zeccoli

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *