J7 Finance | L’uscita dalla crisi richiede pluralismo

(Londra) Venerdì i principali finanziatori dei paesi industrializzati hanno fatto appello al termine della riunione del Gruppo dei Sette (G7) per un maggiore multilateralismo all’uscita dalla crisi, con il clima, gli aiuti ai paesi poveri e la tassa digitale al centro del discussioni.


France Media

Sotto la guida del Regno Unito, i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti si sono incontrati a mezzogiorno per una videoconferenza.

Riunione sotto la presidenza britannica

Erano accompagnati dai leader della Banca centrale europea (BCE), dell’Eurogruppo, del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, tutti guidati dal segretario al Tesoro Rishi Sunak e dal governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey.

È stata la prima società finanziaria del G7 da quando è stato eletto Joe Biden, alla presenza del segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen.

Quest’ultimo ha insistito sull ‘”impegno dell’amministrazione Biden al multilateralismo”, secondo una dichiarazione rilasciata dal Dipartimento del Tesoro Usa, sottolineando un cambio di discorso rispetto alla presidenza di Donald Trump.

Ha anche sottolineato “l’importanza” dello stimolo finanziario per garantire la ripresa, mentre il gigantesco piano di salvataggio da 1900 miliardi di dollari è in discussione negli Stati Uniti al Congresso.

Questo incontro è considerato come un preludio al Vertice dei Capi di Stato e di Governo del Gruppo dei Sette principali nazioni industrializzate che si terrà dall’11 al 13 giugno in Cornovaglia (sud-ovest dell’Inghilterra).

Secondo una dichiarazione del Tesoro britannico, Rishi Sunak ha invitato le sue controparti ad agire per aiutare i paesi più vulnerabili nel 2021, rendendo il clima una priorità centrale per ottenere una ripresa economica “verde” dopo la pandemia.

READ  Toyota fined $ 180 million for 10 years for non-compliance with EPA terms

Distribuzione rapida ed equa dei vaccini

Le questioni climatiche sono in cima all’agenda di Londra, che da febbraio assumerà la presidenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e ospiterà la COP26 a Glasgow a novembre.

Il ministro britannico ha chiesto la distribuzione rapida ed equa dei vaccini in tutto il mondo, sottolineando che le istituzioni finanziarie internazionali devono dotarsi di strumenti adeguati per aiutare i paesi poveri a rispondere alle sfide della crisi.

Sur son compte Twitter, il presidente del Groupe de la Banque mondiale, David Malpass, a lui évoqué une «bonne discuss sur les inégalités, les vaccinations, il climat, les vulnérabilités et le besoin de mettre en place un cadre commun sur la réunion de Debito “.

Allo stesso modo, l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, continua su Twitter ad annunciare un “incontro sostanziale” e una convergenza di opinioni su come uscire dalla crisi e dal clima.

Infine, Londra ha aggiunto che G7 Finance ha riconosciuto la necessità di progredire per raggiungere una soluzione internazionale sull’implementazione di una tassa sui giganti digitali che sono emersi come grandi vincitori della pandemia mentre molti paesi hanno affrontato una recessione economica senza precedenti.

L’obiettivo del Regno Unito è rispettare la scadenza fissata dal G20 a metà del 2021 per concordare questo argomento.

Il Cancelliere voleva che i lavori si svolgessero a livello di G7, G20 e OCSE.

Sulla tassa digitale “Dobbiamo raggiungere un accordo quest’estate”, come sperava il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire.

Ha anche insistito sulla “necessità di uno stretto coordinamento dei nostri piani di ripresa” e “sull’importanza di continuare a lavorare sui debiti dei paesi poveri”.

READ  Gold investors see the challenges ahead after Glittery 2020

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *