Istruzione: i bambini imparano bene a distanza? | Inserm

La domanda “Possiamo imparare dalla distanza?” La domanda è simile a “Possiamo imparare digitalmente?” Quello che è certo è che la tecnologia digitale, contrariamente ad alcune credenze, non è intrinsecamente cattiva. Riguarda il contenuto. Il vantaggio della tecnologia digitale e di alcuni software attuali è che possiamo, ad esempio, utilizzare l’intelligenza artificiale per fornire un approccio educativo distinto. Cioè, adattiamo la curva di apprendimento di ogni studente. Operiamo nella zona di sviluppo prossimale per tutti, al confine tra le conoscenze che hanno acquisito e quelle che stanno per acquisire. Ovviamente, questa è una faccenda complicata per un insegnante con un gruppo di 30 studenti! Inoltre, la tecnologia digitale fornisce feedback sugli errori, che è fondamentale per l’apprendimento. Un altro vantaggio è che rende l’apprendimento piacevole, il che si traduce nel mantenimento del livello di motivazione. Un aspetto importante, soprattutto quando lo studente è solo a casa. Le valutazioni di alcuni di questi strumenti hanno mostrato miglioramenti nell’apprendimento, specialmente tra gli studenti regolari. Pertanto, ci sono strumenti digitali utili ed efficaci. Ma manca un pensiero educativo sul suo utilizzo. Durante il primo arresto, la dipendenza dal digitale era per lo più limitata all’invio di PDF e alle videoconferenze … Fortunatamente, nei mesi successivi abbiamo assistito a un rinnovato interesse per i dispositivi digitali, ed è certo che se avessimo dovuto vivere un secondo rigoroso isolamento, il loro uso sarebbe diverso. Inoltre, uno degli obiettivi principali delle autorità pubbliche in merito alla trasformazione digitale nell’istruzione è riuscire a convincere gli insegnanti, generalmente un po ‘riluttanti, a partecipare. Il digitale resta comunque uno strumento. Affinché gli insegnanti possano usarli più spesso, devono disporre di attrezzature e formazione adeguate. Hanno bisogno di supporto.

READ  The mystery at the heart of the Milky Way galaxy: Years later astronomers hide above the clouds in the center of the galaxy

Gregoire Burst è professore di psicologia dello sviluppo e neuroscienze cognitive dell’educazione presso l’Università di Parigi e direttore Lapsydé (CNRS) a Parigi

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *